La solidarietà dei sardi verso gli animali recuperati gravemente feriti nei territori dell’Oristanese colpiti dagli incendi

Vittime innocenti, senza via di fuga, molti di loro, sono arsi vivi. Le immagini strazianti di pecore, cavalli, tra gli altri, senza vita raccontano la drammaticità degli incendi che ancora devastano i territori dell’oristanese.
Anche un gattile sarebbe stato travolto dalle fiamme.

La solidarietà dei sardi anche verso gli animali recuperati gravemente feriti nei territori dell’oristanese colpiti dagli incendi: c’è chi offre un alloggio, chi organizza raccolte di fieno e molti veterinai sono già al lavoro per prestare le prime cure.

Vittime innocenti, senza via di fuga, molti di loro, sono arsi vivi. Le immagini strazianti di pecore, cavalli, tra gli altri, senza vita raccontano la drammaticità degli incendi che ancora devastano i territori dell’oristanese.
Anche un gattile sarebbe stato travolto dalle fiamme.
Per i superstiti si è subito messa in moto la macchina della solidarietà: recuperati dai volontari e dagli operatori che da più di 24 ore operano senza sosta, presentano soprattutto gravi ustioni e problemi respiratori.
Pietro Fois,
Presidente Circolo Veterinario Sardo
comunica che “stiamo organizzando un gruppo di solidarietà nei confronti dei numerosi animali rimasti coinvolti nel devastante incendio.
Numerosi colleghi si sono messi a disposizione per ricoverare eventuali animali feriti presso le loro strutture in tutta la Sardegna o dare supporto in loco.
In qualità di presidente del circolo veterinario sardo ringrazio tutti i colleghi che stanno dimostrando la massima disponibilità e coraggio nell ‘affrontare questa dolorosa emergenza.
Se avete necessità potete contattare: Dott.sa Colleo Maddalena 3470853706
Dott.sa Uras Giorgia 3479059129
Loro vi metteranno in contatto con i veterinari disponibili a voi piu’ vicini”.
Sui social sono già numerose le offerte di chi mette a disposizione i propri cortili e veri e propri alloggi per gli animali: da Nuoro a Serramanna si susseguono senza sosta, come gli appelli a chi ha possibilità di fornire paglia/foraggio, mangime o beni per bestiame da portare a Cuglieri e centri limitrofi.


In questo articolo: