La sagra del torrone fa il pieno di presenze: in migliaia a Tonara

Un successo al di sopra delle aspettative: in migliaia hanno affollato le vie del paese.

La meravigliosa giornata di sole che ha fatto da cornice alla 37^edizione della Sagra del torrone a Tonara, organizzata dal Comune e dalla Pro Loco,  si chiude con un bilancio più che positivo.

 Tanti i pullman e i visitatori giunti a Tonara da ogni parte della Sardegna, che nel paese barbaricino hanno trovato l’affetto e l’accoglienza dei suoi abitanti, le eccellenze del territorio e l’immancabile voglia di fare festa.

Assoluto protagonista della giornata il torrone con la bontà e la genuinità dei suoi ingredienti.

Per l’occasione i turisti hanno assistito alla preparazione di questo dolce, che richiede impegno, fatica e soprattutto tanta passione, e hanno potuto gustarne il sapore appena cotto, caldo e morbido.

 “Siamo felicissimi di questa edizione. Tutto è andato benissimo – ha commentato la signora Annalisa del torronificio Pruneddu -. Tonara vive grazie al torrone. Abbiamo numerosi rivenditori ambulanti che hanno fatto conoscere il torrone non solo in Sardegna nelle sagra e nelle feste, ma anche nel resto della Penisola.  Chi conosce il nostro dolce ed è stato già alla Sagra gli anni scorsi, ritorna a Tonara sia per il paese, ma soprattutto per assaggiare il nostro prodotto”.

 Un’onda umana ha avvolto il paese e a sua volta è stata immersa in un magico vortice di colori, suoni, balli e tradizioni che si sprigionavano dal palco allestito nella piazza, dove Giuliano Marongiu, con  simpatia e collaudata maestria, ha presentato “Isola in festa”, una maratona senza soste di musica, spettacoli e attrazioni che ha visto esibirsi sul palcoscenico le più belle espressioni della cultura popolare isolana, da Maria Giovanna Cherchi a Massimo Pitzalis, alle belle realtà della cultura popolare di tutte le zone della Sardegna.

 “Tonara ha un fascino che rapisce – dichiara il presentatore – e questa sagra è diventata la casa di tutti nel giorno dell’anno in cui si ha voglia di uscire e ritrovarsi.  ‘Isola in festa’ è stata la colonna sonora della Sagra dedicata al torrone, con una folla immensa che ha cantato e ballato con noi. Ringrazio la comunità di Tonara che ha creduto nel nostro progetto e lo ha sposato incondizionatamente. Grazie anche a voi di Sardegna Live che con la realizzazione e la divulgazione degli spot che hanno promosso la Sagra, avete svolto un ruolo determinante per i risultati di questa eccezionale portata”.

 Un’edizione della Sagra rinnovata quella di quest’anno come ha spiegato il sindaco di Tonara Flavia Loche: “Sono molto contenta e soddisfatta di questa edizione. Quest’anno abbiamo voluto dare un’apertura diversa, abbiamo ospitato numerosi gruppi folkloristici, cori polifonici e maschere provenienti da tutta la Sardegna. L’idea è quella di aprirci all’internalizzazione di questa Sagra perché sta crescendo e vogliamo che sia sempre più grande. Voglio ringraziare tutte le associazioni che con noi hanno collaborato, i barracelli di Gadoni, i vigili urbani e i carabinieri per il loro impegno”.

“Sono contentissima di come è andata – ha detto la presidente della Pro Loco Natalia Onnis -. E’ stato bellissimo vedere tanta gente affollare le vie del nostro centro. Siamo stati ripagati della fatica fatta. Ce l’abbiamo messa tutta per presentare le nostre eccellenze: il torrone, il legno, i campanacci”.

Il Comune e la Pro Loco di Tonara ringraziano tutti coloro che si sono esibiti:

Maria Giovanna Cherchi, Massimo Pitzalis, Cecilia Concas, Peppino Bande, Morgana Brais, Pino Piu, Laura Spano, Pierpaolo Vacca, i Cover Garden, i Gruppi Folk di San Pantaleo, Seui, Siurgus Donigala, Luogosanto, Tortolì oltre alla Banda Musicale “Città di Tonara”, al Gruppo Folk di Tonara e al Coro Polifonico “Peppino Mereu”.


In questo articolo: