La Confesercenti si difende: “Migranti, i corsi li paga il Governo”

In una nota ufficiale, Confesercenti conferma quanto scritto dal nostro giornale negli ultimi giorni: “I corsi sono finanziati con i fondi del Ministero delle Politiche Sociali. Non intendiamo discriminare altre categorie di corsisti”. TUTTO VERO quello scritto dal nostro giornale: i migranti non pagano, paga il MInistero tramite una Onlus

In una nota ufficiale, la Confesercenti provinciale conferma quello che ha scritto cagliari On line negli ultimi tre giorni: i corsi non sono gratuiti, paga il Ministero e i migranti non spenderanno un euro. In una nota, il presidente provinciale Roberto Bolognese afferma: “La nostra Associazione organizza corsi di formazione di due tipologie: a finanziamento pubblico e autofinanziato. Nel caso dei migranti, il corso che si è organizzato con il GUS Guido Puletti Onlus è finanziato con fondi del Ministero delle Politiche Sociali, affidati alla Onlus, che possono essere spesi esclusivamente (esiste un vincolo preciso) per percorsi di formazione professionale, tendenti all’inclusione sociale. Ne consegue che anche i corsi per migranti della Confesercenti sono, esattamente come tutti gli altri, non gratuiti. Ciò, per non discriminare alcuna categoria di corsisti, particolarmente quelli iscritti all’associazione”. 


In questo articolo: