Invalido e senza cure da anni a Cagliari: “Aiutatemi a comprare un’auto attrezzata per potermi spostare”

Maurizio Corona combatte da decenni contro la distrofia muscolare. Accanto ha la moglie, Eliana, ma insieme non riescono a trovare il denaro per acquistare un’auto per disabili: “Ho smesso di fare fisioterapia, day hospital e di andare alle visite, 860 euro al mese sono troppo pochi. Con 25mila euro riuscirei ad essere più autonomo”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Può contare sulla sua forza di volontà, sull’amore indiscusso della moglie Eliana, che è sempre rimasta accanto a lui anche nei momenti più neri e su qualche amico, Maurizio Corona. Ma ciò che gli manca, con una distrofia muscolare che peggiora di mese in mese, a 57 anni, è un’auto speciale, per disabili, che gli permetta di poter andare a fare fisioterapia, alle visite e controlli medici. La sua vita è divisa con la carrozzina, gli spostamenti sono minimi perchè le difficoltà, anche a Cagliari, per un diversamente abile, ci sono e sono ancora tante. Strade con barriere architettoniche, marciapiedi troppo alti, improvvisi avvallamenti del terreno: avere le cure è un diritto universale, riuscire ad ottenerle dopo slalom e gimcane folli è, invece, una follia. Corona ha aperto una raccolta fondi online: “Mi serve un’auto per disabili, penso che con ventimila o venticinquemila euro dovrei riuscire a comprarla. Sinora non ho, purtroppo, ottenuto molte offerte”. Può contare su una pensioncina, più i soldi della moglie, che lavora per 9 mesi all’anno come collaboratrice in un asilo. Il pane in tavola non manca, grazie al cielo, ma ogni spesa grossa è praticamente impossibile.
“Sembra che per tutto il mondo io sia un invisibile. Non posso permettermi di noleggiare un’auto adatta a chi ha una disabilità come la mia. Il mio desiderio è poter acquistare un’auto che possa trasportarmi facilmente, di quelle con la pedana dietro attrezzata per le persone in carrozzina, ma purtroppo le nostre disponibilità economiche sono molto scarse, non possiamo permetterci un acquisto del genere; ormai sono tanti anni che non faccio più fisioterapia, ricoveri in day hospital per gli esami di routine, terapie mediche in genere, tutte cose essenziali per la mia patologia; tutto questo perchè non posso più sostenere la spesa di dover noleggiare un’auto attrezzata per il trasporto dei disabili, con 860 euro al mese di assegno di invalidità non posso proprio e come succede il più delle volte, le cose a cui rinunciamo spesso sono proprio le visite di prevenzione e cure mediche; questo è il motivo principale per cui è diventato essenziale affidarmi alla generosità delle persone per provare ad acquistarne una”. Chiunque volesse aiutare il 57enne può cliccare qui.


In questo articolo: