Insulti a Marcella, trans di Cagliari. L’ora della solidarietà: “Gravissime parole della dottoressa”

La storia, raccontata da Cagliari Online, di Marcella Farci, trans 56enne, che ha accusato di essere stata insultata dal suo medico, “i finocchi di m**** rovinano il mondo” scatena messaggi di vicinanza: “Inaccettabile atto di omofobia”

“La mia dottoressa mi ha detto: ‘questi finocchi di m**** stanno rovinando il mondo’”. Questo il passaggio più crudo della testimonianza di Marcella Farci, trans 56enne di Cagliari, rilasciata in esclusiva a Cagliari Online. Insulti, tanti insulti pronunciati a voce alta dal suo ormai ex medico di fiducia davanti ad altri pazienti, in uno studio medico di Pirri. Farci, in lacrime, ha detto che “nel 2018 non si può dire che chi cerca la propria dimensione è contro natura, ecco perché l’ho denunciata all’Ordine dei medici”.

Una vicenda che ha scatenato un fiume di commenti da parte dei nostri lettori. Tutti di solidarietà. “Sono allibita! Come si può trattare una persona in questo modo? Marcella hai fatto benissimo a denunciare la dottoressa, fatti del genere non dovrebbero mai accadere. In che mondo viviamo!”, scrive Giulia Orrù. Andrea Franceschini: “Io sono etero. Marcella ha sicuramente avuto una vita difficile e complicata, io non posso nemmeno immaginare lontanamente come si possa vivere una situazione del genere. Ma è impossibile capire fino in fondo quanta sofferenza e altro….Nessuno si può permettere di giudicare una persona per quel che è, lei non ha fatto del male a nessuno”.

Un’altra lettrice è Azzurra Pagani: “Vorrei dire alla dottoressa che non sono i gay che rovinano il mondo, ma la violenza e la pedofilia. Prima di giudicare colleghi il cervello. Signora Marcella, vada avanti con serenità e si lasci scivolare le cattiverie di certi elementi”. Atonietta Mascia è netta: “Tu medico sei pagato per aiutare il paziente, per lenire la sua sofferenza e per curarlo e ascoltarlo. Se non sei disposta a fare tutto questo, allora è il caso che cambi mestiere”.

Per Teresa Ex Sartoria Piroddi “Un medico che va mandato via a calci in c***. Ma chi è per giudicare gli altri, che si metta a fare il suo mestiere se ne è in grado”. Marisa Murru: “Vergognoso. Marcella, vai avanti a testa alta, grande dignità”. Ancora, Luciana Boi: “Alla faccia della dottoressa. Aggiungerei anche il sentirsi tradita dal proprio medico di base che oltre a svolgere il suo lavoro per ogni paziente è anche un punto di riferimento”.


In questo articolo: