“Inserisca le credenziali del suo conto”: 45enne di Villasor casca nel tranello e perde 3200 euro

La vittima ha adempiuto a quanto richiesto e a questo punto i suoi dati sono stati acquisiti dai pirati del web che hanno eseguito quasi immediatamente dopo bonifici a proprio vantaggio.

Alcune truffe hanno dell’incredibile eppure si verificano. Come si possa credere a determinati interlocutori in certe situazioni non si comprende, però di fatto qualcuno ci casca sempre anche quando il trabocchetto è davvero inverosimile. Ieri a Villasor i carabinieri della locale Stazione hanno denunciato per truffa aggravata due campani, un 43enne di Torre del Greco e un 67enne originario di Casoria, entrambi con diverse denunce a carico e ben conosciuti dalle forze dell’ordine. In sostanza i militari, attraverso l’analisi dei tabulati telefonici e una serie di accertamenti telematici svolti anche in collaborazione con alcune aziende bancarie, sono riusciti a ricostruire i materiali beneficiari di alcuni prelievi dal conto corrente di un 45enne residente nella città del Medio Campidano. Questi aveva ricevuto una email originata apparentemente dall’amministrazione delle Poste Italiane. Questa email conteneva un link che il destinatario della comunicazione avrebbe dovuto aprire per correggere presunte anomalie sul funzionamento del proprio conto. Una volta ricevuta la risposta da parte dell’ingenuo destinatario della missiva, i due truffatori gli hanno comunicato che per poter correggere gravi anomalie sul funzionamento del suo conto corrente, egli avrebbe dovuto cliccare su quel link e poi inserire le credenziali Internet Banking al fine di poter sbloccare il conto stesso. La parte lesa ha adempiuto a quanto richiesto e a questo punto i suoi dati sono stati acquisiti dai pirati del web che hanno eseguito quasi immediatamente dopo bonifici a proprio vantaggio in tre transazioni on-line per un danno totale ammontante a 3200 euro che naturalmente non possono essere coperti da nessuna assicurazione o rimborsati in alcun modo.


In questo articolo: