Guerra sulle scuole a Quartu, Delunas: “Impossibile riaprirle? No, mossa elettorale”

Il sindaco replica alla lettera spedita da alcune dirigenti: “Ho sentore che sia una manovra tipicamente elettorale di chi aspira a sostituire nella prossima consiliatura l’assessore alla pubblica istruzione”

Replica del sindaco di Quartu Sant’Elena Stefano Delunas alle preoccupazioni espresse dai dirigenti scolastici riguardo la riapertura delle scuole: “Ho sentore che sia una manovra tipicamente elettorale di chi aspira a sostituire nella prossima consiliatura l’assessore alla pubblica istruzione Elisabetta Cossu”.
Non sono passate inosservate le riflessioni esposte che evidenziano una criticità per la riapertura degli edifici scolastici e la ripresa, quindi, delle lezioni in presenza per migliaia di studenti quartesi che frequentano gli istituti comprensivi della città. “A tutt’oggi gli edifici scolastici e le aree cortilizie si presentano nelle condizioni in cui versano prima del blocco delle attività didattiche”  scrivono al Comune le dirigenti. “Avrei gradito che l’avessero firmata – spiega a Casteddu Online il primo cittadino – ho sentore che sia una manovra tipicamente elettorale di chi aspira a sostituire nella prossima consiliatura Elisabetta Cossu, così come credo che il fronte dei dirigenti scolastici non sia cosi compatto come fanno credere.
Abbiamo fatto circa 6 riunioni con tutti i dirigenti e abbiamo pianificato tutti i lavori di edilizia leggera così come previsto dalla circolare del ministero investendo più di 500 mila euro con una variazione di bilancio. Ovviamente tutto si realizza con l’approvazione del bilancio consuntivo previsto per il 9 settembre.  E vorrei vedere chi avrà il coraggio di votare contro
perché non sarà un voto contrario a Delunas ma a migliaia di genitori degli scolari e degli studenti quartesi”.