Geremeas, il sardo palestrato spegne e lascia la cicca sulla sabbia

Non solo turisti super cafoni, ci sono anche sardi che si “difendono” in tal senso, purtroppo. La consigliera comunale di Quartu Tecla Brai ha fatto giustamente pulizia nella spiaggia di Geremeas

Non solo turisti super cafoni, ci sono anche sardi che si “difendono” in tal senso, purtroppo. La consigliera comunale di Quartu Tecla Brai ha fatto giustamente pulizia nella spiaggia di Geremeas: “Le ho portate via io, le cicche di sigaretta del 40enne sardo palestrato- spiega- che, in compagnia di un amico si è fumato le sue sigarette, facendo finta dopo averle spente, di metterle da parte. Peccato sia sparito mentre ero intenta a leggere. Incivile. E pensare che ha sgridato un povero bambino che giocava con un piccolo pallone. Inoltre sappiate, che ho dovuto portare a casa i mozziconi, per buttarli nel secco, perché in spiaggia non ci sono i cestini!”. E qui è evidente la stoccata a chi non organizza una raccolta adeguata. Non si tratta della prima volta che la consigliera quartese denuncia situazioni di questo tipo: lo aveva fatto lo scorso anno anche per la spiaggia di Sant’Andrea. 


In questo articolo: