Gallery Café: “Fai beni e bai in galera?. Noi rispettiamo le regole!”

Non ci sta Cosimo Ladu, titolare del bar di piazza Costituzione, il Gallery Cafè, a passare da “irrispettoso” delle regole e delle connessioni. E, soprattutto, “di sottrarre spazio ai cittadini” con i tavolini e le fioriere

di Marcello Polastri

Non ci sta Cosimo Ladu, titolare del bar di piazza Costituzione, il Gallery Cafè, a passare da “irrispettoso” delle regole e delle connessioni. E, soprattutto, “di sottrarre spazio ai cittadini” con “i tavolini e le fioriere “posizionate per offrire ai più un SERVIZIO MIGLIORE” al margine della piazza, “è per evitare che le auto possano finire parcheggiate sul marciapiede come è già accaduto”. 
 
L’INTERVISTA. “Noi deteniamo regolarmente  l’autorizzazione per il posizionamento di tavoli, sedie e fioriere davanti alla nostra attività commerciale” precisa Ladu. “Mi rivolgo a chi ha polemizzato in modo strumentale, anche per le fioriere da noi regolarmente posizionate, e che non intralciano niente e nessuno”. 
 
LA POLEMICA sarebbe scaturita dalle lamentele “pretestuose e infondate” di un passante circa la ristrettezza degli spazi calpestabili, in una piazza rimessa a nuovo dall’amministrazione civica e che ospita come altrove tavolini, sedie e fioriere. 
 
Elementi “di arredo” temporaneo, insomma, ausiliari all’attività commerciale del bar ma che, evidentemente, qualcuno non gradisce. 
“Reputo assai irrispettoso quanto dichiarato verso il mio lavoro e quello di tanti colleghi che  per garantire ai propri clienti di poter usufruire dei servizi messi a disposizione, sono soliti allestire, pulire e mantenere in ordine i propri spazi esterni”. 
 
 SPAZI che “sono stati messi a nostra disposizione, a pagamento, da parte del Comune. Peraltro abbiamo ricevuto più di una ispezione della quale conserviamo i verbali: nessuna multa, a dimostrazione della nostra professionalità e confermata storicità della nostra licenza “.
 
Quanto “AL MARCIAPIEDE in questione – precisano dal Gallery Cafè – ad onor del vero, il marciapiede non termina mica sulle fioriere. Bensì continua, con una larghezza di oltre due metri e mezzo sulla piazza Costituzione. Come è vero che, poco oltre, insomma una decina di metri più giù, è presente una discesa per i disabili ed anche il passaggio pedonale per arrivare in piazza Ravot”. 
 
Insomma, “raggiungere le due strade pedonali di piazza Costituzione anche per i diversamente abili, non è utopia ed i tavolini del nostro bar non sono di intralcio a nessuno” conclude Cosimo Ladu
Basterebbe avere pazienza, e non lamentarsi sempre, in ogni caso, magari guardando al di là del nostro naso. 


In questo articolo: