Fumi neri a Sarroch, Saras: “Problema causato da un guasto”

La protesta degli ecologisti. Deliperi: “Ancora una volta fumi e miasmi dagli impianti della raffineria Saras, a dispetto dei risultati vantati in materia ambientale, si sono visti e sentiti da decine di chilometri. Nel nome del lavoro e del dio petrolio che tutto garantisce. Per quanto ancora?”

Un guasto. Questa la causa dei fumi neri a Sarroch che hanno allarmato la popolazione, secondo Sarlux. Ma gli ambientalisti protestano. “Questa mattina poco dopo le 12,30 si è verificato un guasto elettrico che ha determinato l’intervento dei sistemi di protezione con conseguente interruzione di energia elettrica e blocco degli impianti di raffinazione. Questo blocco ha causato come conseguenza l’attivazione del sistema di sicurezza delle torce con associata fumosità. Siamo in contatto con gli organi istituzionali e di controllo, si stanno approfondendo le cause del guasto che ha generato la disalimentazione elettrica.

“Ancora una volta fumi e miasmi dagli impianti della raffineria Saras, a dispetto dei risultati vantati in materia ambientale, si sono visti e sentiti da decine di chilometri”, ha denunciato Stefano Deliperi del Grig, “non è una novità, è capitato tante volte. Ma la situazione ambientale e sanitaria di Sarroch non è mai stata completamente pubblicizzata con la trasparenza che merita. Troppo spesso silenzio da parte di amministratori pubblici e residenti sulle cose davvero rilevanti.

Nel nome del lavoro e del dio petrolio che tutto garantisce. Per quanto ancora? Il Gruppo d’Intervento Giuridico odv svolge il proprio ruolo di associazione ecologista con documentate denunce nelle sedi opportune e con attività di sensibilizzazione. Anche oggi ha provveduto a segnalare al Corpo forestale e di vigilanza ambientale, ai Carabinieri del N.O.E., informando nel contempo la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari. Ma tutto questo serve a poco se non cambia l’atteggiamento di chi a Sarroch vive e opera”.


In questo articolo: