Fratelli scomparsi a Dolianova, la sorella in lacrime: “Me li hanno ammazzati”

Davide e Massimiliano Mirabello spariti nel nulla da 11 giorni, la sorella Adelaide parla a Chi L’ha visto?: “Penso che non li rivedrò mai più, chi sa parli. Non possiamo continuare a vivere così”

Undici giorni di mistero sulla sorte di Davide e Massimiliano Mirabello, i fratelli calabresi scomparsi da Dolianova il nove febbraio scorso. Dopo il ritrovamento di alcune tracce di sangue, della loro Volkswagen Polo blu bruciata, dell’apertura di un’inchiesta della procura per duplice omicidio e di due indagati (Joselito e Michael Marras, protagonisti di screzi e dissidi con i fratelli Mirabello) a Chi l’ha visto? parla una delle sorelle dei fratelli, Adelaide. Nel servizio realizzato proprio nelle campagne dolianovesi, la donna ripercorre tutti i momenti precedenti alla sparizione e, alla fine, si lascia andare ad un discorso disperato e che fa ben capire che le speranze di ritrovare il 36enne e il 40enne ancora in vita siano quanto mai ridotti al lumicino: “Penso che non li rivedremo più. Mi hanno ammazzato due fratelli per cosa? La gente uccide anche per poco, i giornali si leggono e si vedono” e parla chiaramente di “cattiveria e inumanità. Non mi interessa sapere perché, mi interessa solo sapere dove sono. Per me qualcuno ha visto, qualcuno ha sentito la discussione. Chi sa parli, aiutateci a trovarli, o vivi o morti”, dice, con la voce rotta dalla disperazione, Adelaide Mirabello. Un appello chiaro e, contemporaneamente, una dichiarazione choc, quel “me li hanno ammazzati per cosa?” da far tremare le vene e i polsi.

 

Intanto, le indagini vanno avanti: la settimana prossima saranno analizzati tutta una seriedi elementi e potrebbero arrivare delle novità in seguito al prelievo del dna effettuato ieri su Joselito e Michael Marras, padre e figlio allevatori e vicini di casa dei fratelli vibonesi. La Fiat Panda intestata alla moglie di Joselito, sequestrata, verrà setacciata alla ricerca di possibili tracce utili.