Far west sulla 554: folle fuga sull’auto rubata, tentano di investire i carabinieri. Sparatoria e movimentato arresto

Il militare, ex paracadutista del Tuscania, riusciva a schivare il colpo gettandosi agilmente in cunetta e contemporaneamente ha esploso alcuni colpi con arma di ordinanza che andavano a colpire il paraurti anteriore sinistra bucando una gomma del mezzo rubato. L’auto in fuga percorreva ancora pochi metri e andava in testacoda

Far west sulla 554: folle fuga sull’auto rubata, tentano di investire i carabinieri. Sparatoria e movimentato arresto. Due ore fa sulla SS 554 in Comune di Selargius un carabiniere che viaggiava, libero del servizio a bordo della propria autovettura, ha intravisto all’interno di una Opel Corsa due giovani che egli conosceva per pregressi motivi di servizio e ha richiesto telefonicamente alle centrale operativa di Quartu Sant’Elena di verificare la targa del mezzo. Dall’accertamento svolto sulla banca dati delle forze di polizia è emerso che quella macchina era stata rubata 5 giorni fa a Castiadas.

A questo punto il militare prendeva a pedinare quel mezzo richiedendo telefonicamente l’intervento delle gazzelle in circuito in quel momento. All’arrivo del primo mezzo con colori e livrea d’istituto dei Carabinieri i due giovani si davano alla fuga in direzione Settimo San Pietro, deviando dalla strada principale dapprima sulla provinciale quindi in una strada di penetrazione agraria. Su una di queste strade molto stretta i fuggitivi si trovavano di fronte ad una macchina del Radiomobile della Compagnia di Quartu ed erano costretti a rallentare, ma allorché un appuntato disceso dell’autovettura si faceva loro incontro riprendevano all’improvviso la marcia andandogli addosso.

Il militare, ex paracadutista del Tuscania, riusciva a schivare il colpo gettandosi agilmente in cunetta e contemporaneamente ha esploso alcuni colpi con arma di ordinanza che andavano a colpire il paraurti anteriore sinistra bucando una gomma del mezzo rubato. L’auto in fuga percorreva ancora pochi metri e andava in testacoda, finiva poi in un adiacente canneto, era così che i due giovani potevano essere catturati ed arrestati per resistenza, lesioni ai danni del militare e la ricettazione dell’auto. Si tratta di due vecchie conoscenze delle forze dell’ordine.


In questo articolo: