Don Alberto Pistolesi morto sul lungomare di Quartu: “L’auto si è schiantata a forte velocità contro il palo”

Il prete 43enne è finito contro il pilone di un cartello e la sua Fiat Multipla si è distrutta. Da una prima ricostruzione emerge l’alta velocità, forse dovuta a un malore improvviso

Un malore, forse, o una distrazione improvvisa, anche se difficile da ipotizzare su un rettilineo e a poca distanza da una rotonda. E l’auto che, a forte velocità, si è schiantata contro il palo di un cartellone. Ecco la dinamica dell’incidente costato la vita a don Alberto Pistolesi, 43 anni, prete a Sinnai ma conosciutissimo anche a Quartu, Cagliari e Senorbì. “La macchina stava andando a forte velocità, quella è confermata”, spiegano dal commissariato della polizia Locale di Quartu. Quale sia il motivo, però, non è stato ancora chiarito: un malore al volante? Una distrazione improvvisa o un guasto alla macchina? Se ne saprà di più nelle prossime ore, intanto è stato appurato che i giri del motore della Fiat Multipla guidata dal religioso fossero decisamente alti e lo schianto è stato così forte che non gli ha lasciato scampo, con la vettura che è andata totalmente distrutta. Nessun altro automobilista è rimasto coinvolto.

 

E la scomparsa di don Pistolesi ha gettato nella disperazione decine di migliaia di persone. Da Sinnai a Quartu, da Cagliari a Senorbì, tantissime lacrime per il prete sempre sorridente e felice di testimoniare la parola di Dio ogni giorno, insieme ai ragazzi dei tanti oratori che ha gestito e ai fedeli delle parrocchie che ha guidato, sia nel ruolo di vicario sia in quelli di sacerdote, negli ultimi diciassette anni. I funerali, salvo imprevisti, si svolgeranno dopodomani.