Cristina Murru, il racconto choc dall’incendio al Villaggio delle Mimose: “Travolti dalla nube di fumo rosso, un incubo”

Una donna racconta a Casteddu Online quei momenti di grande terrore oggi davanti alle fiamme a Quartucciu: “Lo guardavo con la paura che le fiamme fossero più veloci degli aerei antincendio. Qui noi siamo senza acqua perché il Comune non ha predisposto la condotta idrica. Vi racconto la nostra situazione da terzo mondo…”

Cristina Murru, il racconto choc dall’incendio al Villaggio delle Mimose: “Travolti dalla nube di fumo rosso, un incubo”. Una donna racconta a Casteddu Online quei momenti di grande terrore oggi davanti alle fiamme a Quartucciu: “Oggi nei pressi della zona di burranca e Piscina Nuxedda c’è stato un incendio terribile- ricorda Cristina- io ero al villaggio delle Mimose che è stato travolto dalla nube di fumo rosso che arrivava da lì. Lo guardavo con la paura che le fiamme fossero più veloci degli aerei antincendio. Qui noi siamo senza acqua perché il Comune non ha predisposto la condotta idrica. E la diga del Riu Longu, un invaso artificiale di acqua grezza, la Regione lo sta cedendo in concessione a dei privati invece di usarlo come prevenzione incendi. Qui la situazione attuale è peggio che in paesi del terzo mondo e nessuno se ne cura. Domani alle 10 circa qui al villaggio dovrebbe esserci una riunione a cui parteciperanno presumibilmente anche i rappresentanti della Regione, ma l’acqua dell’invaso dovrebbe essere fruibile da tutti e soprattutto dovrebbe essere potabilizzata prima di poter essere usata dalle persone. Nessuno si cura del problema ma qui l’incendio purtroppo è un pericolo costante e la situazione è aggravata dalla pessima condizione in cui versa il territorio”.


In questo articolo: