Eventi e nuovo look per la Cittadella, patto tra Monserrato e Università

Il rettore Mola incontra il sindaco Locci: sì a un collegamento pedonale e ciclabile con la città di Monserrato e a una collaborazione nell’organizzazione di eventi per studenti e personale medico

 Si rafforza l’intesa tra l’università di Cagliari e il comune, sede della Cittadella universitaria.
Il rettore Francesco Mola e una delegazione incontrano il sindaco Tomaso Locci e l’amministrazione comunale.
“Siamo qui perché vogliamo una sempre più forte interazione, nel rispetto dei ruoli di ciascuno: non vogliamo che la Cittadella di Monserrato resti isolata – ha detto questa mattina il Rettore Francesco Mola – Partiranno presto i lavori sull’efficientamento energetico di cui bisogna essere orgogliosi: sarà un progetto a vostra disposizione e replicabile. La capacità progettuale dei nostri ricercatori è a disposizione di tutti: la nostra ambizione è mostrare che noi ci siamo e mettiamo il nostro lavoro al servizio degli altri”.
“L’odierna visita del rettore dell’università di Cagliari Mola – ha commentato il primo cittadino Tomaso Locci – conferma uno scenario e un percorso già avviati dalla mia amministrazione con la precedente amministrazione universitaria. Un lavoro simbiotico tra comune e università per valorizzare le rispettive posizioni, attraverso progetti che fungano da volano per la nostra comunità, come ad esempio un collegamento pedonale e ciclabile con la città di Monserrato, una collaborazione nell’organizzazione di eventi per studenti e personale medico universitario, la condivisione delle nostre strutture sportive e del nostro patrimonio immobiliare, la creazione di servizi per gli oltre diecimila utenti che quotidianamente gravitano nelle strutture della Cittadella Universitaria e del Policlinico Universitario. Ringrazio il rettore Mola per la disponibilità, non solo formale, oggi dimostrata con la sua presenza e le sue parole”.
Durante l’incontro sono intervenute anche Maristella Lecca e Tiziana Mori, assessori, rispettivamente all’ambiente e alle politiche sociali.
Lecca ha esposto i progetti delle piste ciclabili e di una grande area verde che sorgerà attigua.
Mori ha mostrato, invece , l’importanza del centro Eurodesk, un punto di riferimento per tutta la città metropolitana.
Piena disponibilità, inoltre, a fornire supporto agli universitari non solo per ausilio nella redazione del cv e lettera motivazionale, ma anche per inserimento nel database del network per ricevere informazioni circa i corsi professionalizzanti, stage, tirocini, borse studio e borse lavoro in ambito Ue.
Il Centro svolge pure attività di europrogettazione per cui viene ampiamente confermata la disponibilità a collaborare con l’università di Cagliari.
“Mi impegnerò affinché ci sia sempre più attenzione alle persone, le studentesse e gli studenti, e alla città di Monserrato – ha aggiunto il rettore – per questo occorre creare il massimo delle sinergie. La struttura di Monserrato è impattante dal punto di vista visivo: è nostro compito renderla impattante anche dal punto di vista culturale e di ritorno sociale ed economico. Sta decollando anche la parte delle infrastrutture della Cittadella di Monserrato. Una volta a regime, realtà come il CeSAR attireranno persone da tutto il mondo. Non una spesa, ma un investimento per il futuro”.
“Dobbiamo gestire la ripartenza. Ogni giorno a distanza che passa è un giorno che dobbiamo recuperare. L’impegno comune massimo è, con la giusta gradualità, favorirla in tutti i modi. Anche lo sport, attraverso Ateneika, oppure le manifestazioni come la notte dei ricercatori, possono essere un grande veicolo di integrazione e condivisione”.
Durante l’incontro è intervenuta anche Emanuela Stara: “Sono onorata di ricoprire il ruolo di assessora ai rapporti con l’università  perché ciò mi dà la possibilità di offrire le mie competenze ed il mio lavoro agli studenti, che sono il nostro futuro e la parte della società a cui si devono destinare tutte le nostre azioni propositive, soprattutto in questo periodo di pandemia. Sono certa che gli intenti in comunione con l’università porteranno a grandi risultati, in tutti gli ambiti, culturali, sportivi, relativi ai servizi e all’urbanistica e che Monserrato potrà diventare, finalmente, una città universitaria a tutti gli effetti”.
“L’impegno del nostro Ateneo per Monserrato sarà ancora maggiore per servizi, strutture, raggiungibilità – ha assicurato Gianni Fenu, Prorettore vicario – I ranking mostrano l’università di Cagliari in ottime posizioni su numerosi indicatori, ma non sempre sono adeguatamente conosciuti. Lavoreremo da subito con sempre maggiore impegno diffuso in ogni nostra componente per migliorare ancora”.
“L’attenzione rivolta a Monserrato è tra le indicazioni del nuovo Rettore, come quella più generale agli studenti e alle loro esigenze – ha sottolineato Aldo Urru, DG di UniCa – Abbiamo da sempre un approccio orientato alla soddisfazione dell’utente, tanto che cerchiamo di precederlo nelle sue richieste. Tante cose stanno cominciando a vedersi, anche nel breve periodo, come il progetto ‘Smart Grid’, già avviato in Cittadella e al centro di alcune pubblicazioni scientifiche. Monserrato è una parte importante della nostra realtà: l’invito è a continuare con il confronto costruttivo che ci ha contraddistinto finora”.
Della delegazione dell’Ateneo facevano parte, oltre al Rettore, il Prorettore vicario e il Direttore generale, il Prorettore al Presidio di Monserrato, Paola Fadda, i Dirigenti Simonetta Negrini e Antonio Ninni Pillai, e il Capo di gabinetto Alessandra Orrù. Per il Comune di Monserrato sono intervenuti il Presidente del consiglio comunale Piergiorgio Massidda, tutti gli assessori presenti e alcuni consiglieri.


In questo articolo: