Sì alle carrozze turistiche trainate da cavalli, polemica a Cagliari: “Sfruttamento degli animali”

Primo via libera in commissione Mobilità, l’opposizione protesta: “E’ irrispettosa del benessere e della dignità degli animali. Ed è antieconomica, visto il proliferare di ape calessino, bus elettrici, bus scoperti, cicloturismo e tantissime altri modi per visitare la città. L’ultima licenza è stata restituita anni fa”

Primo sì alle carrozze turistiche a Cagliari. E’ scontro sul servizio di trasporto con veicoli a trazione animale. Il regolamento ha incassato il via libera della commissione e presto arriverà in consiglio comunale. E anche lì sarà scontro tra chi difende la “tradizione” dell’utilizzo delle carrozze coi cavalli e chi invece difende “la dignità gli animali”

“Non capisco questa sensibilità per i cavalli, abbiamo ben altri problemi come il canile”. “Una bellissima attrazione turistica in tutto il mondo”. “Gli animali sono al servizio degli uomini”. “Usare le carrozze con cavalli fa parte della tradizione, della storia, del sogno dei bambini”.

Ecco le motivazioni”, scrive Francesca Mulas, con cui cinque consiglieri del centrodestra del Comune di Cagliari (Loredana Lai, Pierluigi Mannino, Alessandro Fadda, Marcello Piras, Antonello Floris) hanno approvato, oggi, la bozza del regolamento comunale sul trasporto dei turisti in città, all’interno della Commissione consiliare Politiche per la Mobilità che si occupa, appunto, della mobilità cittadina”. Bocciata la proposta della Mulas condivisa da Giulia Andreozzi, Fabrizio Marcello e Guido Portoghese del centrosinistra e da Aurelio Lai del Gruppo Misto) di eliminare per intero il punto “Servizio di trasporto di persone con veicoli a trazione animale” che regola le licenze assegnate dal comune per il trasporto dei turisti con le carrozze trainate da cavalli.

“L’ultimo cavallo stramazzato al suolo al Parco Reale di Caserta lo scorso 13 agosto non è bastato”, aggiunge, “non sono bastati i cavalli morti mentre trascinavano quintali di peso “turistico” a Palermo, Messina e Roma negli ultimi anni. Non basta che sia un'”attrazione”, come la chiamano loro, anacronistica e irrispettosa del benessere e della dignità degli animali. Non basta neppure che sia oggi a Cagliari completamente antieconomica, visto il proliferare di ape calessino, bus elettrici, bus scoperti, cicloturismo e tantissime altri modi per visitare la città, e che l’ultima licenza sia stata restituita anni fa dall’ultimo operatore che ha messo i cavalli a riposo e ha comprato una carrozza con motore elettrico.

Figuriamoci poi se a loro interessa che ovunque nel mondo c’è una sensibilità sempre più forte verso la dignità e il benessere degli animali”. La battaglia ora si sposta in Consiglio comunale per la discussione finale sul regolamento. L’opposizione minaccia di coinvolgere animalisti e ambientalisti, associazioni e attivisti.

 


In questo articolo: