Capoterra, trappola per un 30enne con la marjiuana: arrestato per spaccio dai carabinieri

Ecco di chi si tratta, il trentenne capoterrese è ora agli arresti domiciliari

 Nella mattinata del 10 settembre, i Carabinieri della Stazione di Capoterra, durante un normale servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione del traffico di sostanze stupefacenti, hanno tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente Matteo Marini, 30enne del luogo, disoccupato, con precedenti di polizia.  Durante la perquisizione dell’abitazione dell’uomo, i Carabinieri hanno rinvenuto due distinte buste di plastica contenenti complessivamente gr. 1.520,00 di marijuana. La sostanza stupefacente  è stata sequestrata. L’uomo, su indicazione del Pubblico Ministero di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari è stato ristretto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione e stamattina,  sottoposto al procedimento con rito per direttissima è stato condannato a due anni di reclusione e 4000 Euro di multa. Al termine dell’udienza, su disposizione della stessa A.G. verrà tradotto presso la Casa Circondariale di Uta.

In un’altra operazione invece i Carabinieri del Norm della Compagnia di San Vito, hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per guida in stato di ebbrezza alcolica un 36enne del luogo, il quale controllato in quella via Sardegna a bordo di una autovettura Nissan Micra veniva sottoposto ad accertamento alcolemico il cui esito era pari ad un tasso di 1,24 g/l. La patente è stata ritirata.


In questo articolo: