Capoterra, la solidarietà corre su Facebook: “Sono disoccupato ma aiuto chi sta peggio di me”

La bellissima iniziativa di un 37enne, Massimo Piras, che ha aperto un gruppo per raccogliere cibo, vestiti e offerte per chi è in difficoltà: “Ci sono madri a rischio sfratto e nonni invalidi che girano la pensione alle figlie senza lavoro”. Ecco come fare per aiutare

Un nonno ammalato di tumore “dona” tutta la sua pensione di invalidità alla figlia, disoccupata e con un figlio di nove mesi. Altre tre madri stanno per essere sfrattate, e cercano disperatamente chi possa aiutarle a pagare l’affitto per non finire in mezzo alla strada. Storie purtroppo “comuni” anche a Capoterra. E, laddove non arrivano le istituzioni, si rimboccano le maniche i cittadini. Massimo Piras, 37enne disoccupato, sposato e con un figlio, ha aperto il gruppo Facebook “Sos donazioni”. Già 1000 iscritti e molte richieste d’aiuto. “Ogni tanto faccio lavoretti saltuari, so cosa significa trovarsi in difficoltà”.

“Ho già ricevuto molti messaggi di capoterresi in difficoltà. Chiedono di restare anonimi perchè si vergognano di non poter mettere in tavola il cibo per loro e i figli, e sperano di poter essere aiutati. Chi può dare oggetti, cibo, beni di prima necessità o anche soldi può contattare gli amministratori del sito”, spiega il 37enne, rimasto senza lavoro dopo essersi dato da fare per anni come muratore, “noi siamo pronti a prenderci carico sia delle richieste sia delle offerte. In tanti possiamo fare tanto per le persone bisognose”. Per iscriversi al gruppo basta cliccare qui.


In questo articolo: