Capoterra dice no a bullismo e cyberbullismo: incontro tra studenti ed esperti

Domani alle 10, presso il palazzetto dello sport, tutti in campo contro la piaga sociale.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Episodi drammatici dove gli insulti, la denigrazione, le prese in giro si mescolano a video e foto che girano sul web: quello che un tempo si risolveva, magari, con un confronto verbale o il richiamo da patte di maestre e professori, oggi, come ben racconta la cronaca, può degenerare sino a situazioni irrimediabili che provocano dolore e sconforto, e la consapevolezza che non sia stato fatto abbastanza per le nuove generazioni. A Capoterra domani si terrà un incontro, uno dei tanti, per sensibilizzare i ragazzi e non abbassare la guardia al fine di prevenire e intervenire riguardo a momenti o azioni che fanno scattare l’allarme. “Diversi esperti del settore affronteranno, con i ragazzi delle scuole, l’argomento sotto diversi aspetti: sociale, psicologico, giuridico” espone Silvia Cabras, coordinatrice dell’evento, che ricorda che la partecipazione è aperta a tutti. Dopo i saluti istituzionali da parte del sindaco Beniamino Garau e Donatella Dessì, assessore alla pubblica istruzione e alla cultura, interverranno la Garante infanzia e adolescenza Regione Sardegna Carla Puligheddu o delegata, il Presidente dell’ordine degli assistenti sociali Regione Sardegna Milena Piazza, il Presidente Ordine Psicologi Regiare Sardegna Angela Quaquero, la Direttrice o rappresentante dell’Ussm  Roberta Corsi.

Le relatrici saranno assistenti sociali Maria Luisa Lasio e Laura Pinna.

Presenti per dare il supporto adeguato anche il Comandante carabinieri di Capoterra Luogotenente Leonardo Del Gaudio e il Comandante della polizia locale di Capoterra  Roberta Maxia.

Interverranno, inoltre, Salvatore Bandinu, educatore e scrittore esperto sull’argomento, Progetto La scuola debullizzata, Gino Emanuele Melis, Avvocato Famiglia, Penale a Cagliari, l’avvocato Roberta Lisci, Consigliera Comunale a Quartucciu, e Oscar Frau, “cos’è per me il rispetto”.

Verrà trasmesso un video sul bullismo e letta una testimonianza che rimarrà anonima.


In questo articolo: