Cagliari, schianto sulla metro degli studenti: quattro feriti gravi

Due treni della metropolitana leggera si schiantano all’altezza dell’Auchan di Pirri: 4 feriti gravi, in tutto 57 persone restano ferite. Cronaca di una mattinata da incubo a Cagliari

Lo schianto. La paura. Le urla. Il rumore, assordante, delle sirene. Due convogli della metropolitana leggera di Cagliari carichi di studenti che vanno a scuola si scontrano all’altezza dell’Auchan di Pirri, è una mattinata infernale. Il piazzale dell’Auchan sembra un ospedale di guerra: gravissimo il macchinista, ma ci sono altri tre feriti gravi secondo le prime indiscrezioni. Le persone ferite sono al momento in tutto 57, quasi tutti ragazzi giovanissimi. C’è una corriera dell’Arst che viene utilizzata come fosse un piccolo ospedale da campo, per curare al volo i feriti già sul posto. Lì dentro, con gli occhi pieni di terrore. 

Vengono soccorsi dai medici del 118, uno ad uno, i più gravi vengono trasportati in ospedale. Negli sguardi attoniti si legge indelebile la paura. E l’incredulità, su come sia potuto accadere un incidente del genere all’ingresso di Cagliari. I passeggeri raccontano di essere finiti uno addosso all’altro, alcuni contro il pavimento. I residenti hanno sentito un fortissimo boato. I due treni viaggiavano per fortuna a velocità moderata, altrimenti poteva essere una strage. Ma è un mistero come siano potuti finire uno contro l’altro. Sul posto la Polizia Municipale, i vigili del fuoco, è la mattinata della paura. I contusi meno gravi vengono soccorsi e coperti da impermeabili gialli, per proteggerli dal freddo: alcuni lamentano forti dolori alla schiena, altri alle gambe. Il bilancio è di 4 feriti gravi  e appunto una sessantina di feriti, è il più grave incidente avvenuto a Cagliari nella storia della metropolitana leggera. La Prefettura ha attivato un numero di emergenza al quale ci si può rivolgere per avere informazioni sui feriti: 070/6006243. 

PHOTOGALLERY: https://www.facebook.com/media/set/?set=a.1106147889420045.1073741926.308154245886084&type=3&pnref=story


In questo articolo: