Cagliari, a Sant’Elia nasce piazza “Vittime della mafia e del terrorismo”

Nascerà a Sant’Elia, a due passi dal Lazzaretto e dal neonato parco degli Anelli, la piazza intitolata alle Vittime della mafia e del terrorismo. C’è l’ok della giunta comunale cagliaritana. L’obiettivo è quello di commemorare Emanuela Loi, uccisa nell’attentato in via D’Amelio e Piero Ollanu, morto nella strage di piazza Nicosia nel 1979

La Commissione Consiliare Permanente Personale e Affari Generali, il  16 maggio 2018, ha espresso parere favorevole alla proposta di intitolazione di uno spazio alle vittime della mafia e del terrorismo, per commemorare gli uomini e delle donne di Stato che hanno compiuto il proprio dovere fino al sacrificio della vita.

L’Amministrazione del Comune di Cagliari ha deciso di ricordare nello specifico gli episodi in cui hanno trovato la morte l’agente della Polizia di Stato Emanuela Loi, componente della scorta del giudice Paolo Borsellino, lui stesso vittima della strage mafiosa di via D’Amelio il 19 luglio 1992, e l’agente di polizia Pierino Ollanu, morto nell’attentato di matrice terroristica conosciuto anche come la strage di piazza Nicosia, sanguinosa azione terroristica commessa il 3 maggio 1979 dalle Brigate Rosse nell’edificio in piazza Nicosia a Roma in cui si trovavano gli uffici regionali per il Lazio della Democrazia Cristiana.
Piazza Vittime della mafia e del terrorismo è stata individuata a Sant’Elia davanti a piazzale de Pinedo, a due passi dal Lazzaretto e dal neonato parco degli Anelli.