Cagliari, addio via Po: più libertà per gli animali nel nuovo “parco canile”

Spazi migliori per i cuccioli: il Comune cerca una nuova area. Sì al potenziamento del servizio adozioni a distanza da pubblicizzare attraverso  le pubblicazioni delle foto dei cani ospitati e delle loro caratteristiche fisiche e comportamentali

Comune alla ricerca di un’area per il nuovo parco canile. Oggi il voto in consiglio comunale. L’housing sociale previsto a Sant’Avendrace spazzerà via il canile di via Po. E i 140 cani andranno in un nuovo “parco canile, un polo di servizi cinofili rivolti alla cittadinanza per attività educative e di sensibilizzazione e consulenza con maggiori e migliori spazi di vita e libertà per i cani ospitati”.

“Vogliamo un canile che abbia una sempre maggiore funzione sociale e culturale rivolta agli amici animali e a tutta la cittadinanza, le famiglie, i bambini e le giovani generazioni”, scrive su facebook, Matteo Massa, consigliere Progressisti sardi, “crediamo che questa funzione vada svolta con le associazioni animaliste che intendono collaborare su educazione cinofila, informazione e sensibilizzazione, attivazione di percorsi terapeutici e di educazione affettiva, lotta al randagismo, sterilizzazioni e soprattutto adozioni”.

Il progetto potrebbe essere attuato anche grazie al project financing. Sì anche alla sterilizzazione dei cani delle famiglie meno abbienti e alle aperture il sabato e la domenica del parco. Previsto anche il potenziamento del servizio adozioni a distanza da pubblicizzare attraverso  le pubblicazioni delle foto dei cani ospitati e delle loro caratteristiche fisiche e comportamentali.


In questo articolo: