Da Cagliari a Nora su due ruote: il cammino di Sant’Efisio diventa una pista ciclabile

L’idea è della Città Metropolitana. Spirituale e ciclopedonale: l’itinerario che dalla chiesa di Stampace porta a Pula, quello della processione del martire guerriero, si potrà percorrere anche in bicicletta

Da Nora a Cagliari su due ruote. Anche in preghiera per Sant’Efisio. Sulle orme del pellegrinaggio che annualmente vede il simulacro del martire guerriero in processione dalla chiesa di Stampace a quella della spiaggia di Nora.

L’idea della Città Metropolitana di Cagliari nasce dall’incrociarsi di due diversi progetti strategici. Uno è quello dell’itinerario ciclabile “Chia – Pula Santa Margherita – Cagliari – Villasimius – Villaputzu”, voluto dalla Regione e la cui progettazione è in capo all’Arst. È l’altro, previsto nel “Patto per lo Sviluppo della Città Metropolitana di Cagliari”, sottoscritto nel 2016 tra la Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Città Metropolitana di Cagliari, è quello del “Cammino di Sant’Efisio”, un itinerario culturale naturalistico percorribile a piedi o con altre forme di “mobilità dolce”, da costruire includendo il percorso della processione religiosa di Sant’Efisio, per il quale è disponibile un finanziamento di 5 milioni di euro.

La Città Metropolitana di Cagliari, ha chiesto di poter inserire nll’itinerario Cagliari-Pula, l’intervento del Patto “Cammino di S.Efisio”: l’obiettivo è rendere l’itinerario ciclabile compatibile con i criteri minimi necessari per l’inserimento del Cammino, quale itinerario dello spirito, nell’Atlante nazionale dei Cammini. E in particolare è stata verificata la possibilità di una estensione delle modalità di fruibilità, con trasformazione in percorso ciclopedonale. Il pellegrinaggio, in pratica, potrà essere fatto anche in bicicletta.


In questo articolo: