Cagliari, “il viale della morte”: a un passo dal parco di Monte Claro, siringhe metadone e puzza insopportabile

La denuncia di Valerio Piga, del collettivo Arrosa: “Una vera e propria discarica a cielo aperto che lascia senza parole. Le condizioni igieniche sono inadatte alla vita umana e non riusciamo a capacitarci del perché, fino a questo momento, nessuno sia intervenuto”

Il viale della morte.  Dopo la pubblicazione di ieri “dell ‘albero intossicato”, oggi è la volta del “viale della morte” SI trova sempre al confine tra Monte Claro ed all’interno dell’ ASSL di Cagliari. Lo scenario è raccapricciante con il suolo completamente coperto da un tappeto di siringhe, lacci emostatici e boccette di metadone. tutto ciò che occorre ai tossicodipendenti. A questo si aggiunge la puzza per i rifiuti accumulati. Una vera e propria discarica a cielo aperto che lascia senza parole. Le condizioni igieniche sono inadatte alla vita umana e non riusciamo a capacitarci del perché, fino a questo momento, nessuno sia intervenuto

Valerio Piga (Arrosa Colletivo)


In questo articolo: