Cagliari, Ghirra: “All’Anfiteatro romano spettacoli e un maxi parco urbano”

La candidata del centrosinistra: “Abbiamo levato la legnaia abusiva e speso 1 milione per il restauro del monumento: i tempi li detta la detta la Soprintendenza. Alla conclusione dei lavori riapriremo il sito agli spettacoli. L’area archeologica sarà inserita in un circuito culturale assieme a Orto dei Cappuccini e Orto botanico: un contesto verde unico in ambito urbano”

Di nuovo gli spettacoli. Ma in un contesto nuovo e di grande pregio culturale e naturalistico. In un grande parco urbano che metterà in relazione l’area dell’Anfiteatro romano con l’Orto dei Cappuccini e l’Orto Botanico. È il piano della candidata del centrosinistra alle prossime comunali Francesca Ghirra.

“Sull’Anfiteatro abbiamo fatto un lavoro importante perché in collaborazione con la Soprintendenza  abbiamo levato la legnaia abusiva”, spiega l’ex assessora all’Urbanistica, “spendendo oltre un milione di euro per il restauro del monumento, ma ricordo che le tempistiche dei lavori sono dettate dal ministero. Tuttavia”, aggiunge, “il monumento è attualmente visitabile ai turisti. Non appena i lavori saranno terminati contiamo di riaprirlo come luogo di spettacolo”.

Nuovamente spettacoli dunque, anche se un futuro impianto (soprattutto per quanto riguarda la capienza) non potrà prescindere dal parere della Soprintendenza. La novità potrebbe arrivare dal nuovo contesto in cui l’area archeologica verrà collocata: nei piani della Ghirra sarà un tassello di un puzzle verde più vasto nel cuore della città. “Intendiamo inserire l’Anfiteatro all’interno di un circuito culturale assieme a all’Orto dei cappuccini e all’Orto botanico sarà un anfiteatro romano inserito in un contesto verde unico in un ambito urbano”.


In questo articolo: