Cagliari, duemila studenti promossi nel volontariato: “Hanno anche incontrato e conosciuto bene i migranti”

Successo per i percorsi solidali legati all’alternanza scuola-lavoro promossi dalla Caritas, don Marco Lai: “I giovani si sono impegnati tra la mensa del centro diocesano e nei centri di accoglienza straordinaria dei migranti. Bisogna dare il giusto valore a ogni cosa, sia al denaro sia alle persone”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA

“Per superare la crisi economica nella società di oggi”, questo il titolo del convegno organizzato dalla Caritas, con una quindicina di scuole di Cagliari e hinterland protagoniste. Circa duemila studenti hanno partecipato a un ciclo di alternanza scuola-lavoro, occupandosi di progetti legati come “Cagliari supera il Gap” – legato alla dipendenza da gioco d’azzardo, realizzando dei video – e, in altri casi, si sono rimboccati le maniche per servire il pranzo e la cena ai poveri nelle mense diocesane e conoscere e interagire con chi sta nei Cas: “Bisogna provocare esperienze positive per i giovani, i percorsi sono stati gettonati da tanti istituti, soprattutto per quanto riguarda la mensa del centro diocesano, e i ragazzi hanno dimostrato una grande attenzione per le attività svolte nei centri di accoglienza straordinaria dei migranti. Incontrarsi e conoscersi”, afferma il direttore della Caritas di Cagliari, don Marco Lai, “aiuta a superare le barriere e andare oltre i pregiudizi, scoprendo che le differenze sono una ricchezza importante”.

“Per un anno”, gli studenti, “hanno lavorato molto anche sull’idea del possedere subito tutto, abbiamo portato avanti progetti levati al superamento del gioco patologico, del consumismo e dello spreco, oltre all’uso responsabile del denaro, al quale bisogna dare un valore” ma senza dimenticarsi “del valore da dare alle persone, sono queste le grandi sfide”, afferma Lai. Tra i giovani alunni c’è chi è partito dall’Africa alla ricerca di un futuro migliore e studia per diventare chef, chi ha rinunciato a ore di sport per servire piatti caldi ai più bisognosi e chi, tra i docenti, ha insegnato agli studenti che “bisogna aiutare tutti, mettendoci sempre il cuore”. Cagliari Online ha raccolto alcune storie, si possono leggere nel corso delle prossime ore sul nostro sito http://www.castedduonline.it

In questo articolo: