Cagliari, cade e si ferisce a Villanova: “Colpa dei lampioni spenti, il Comune deve risarcirmi”

È uscito col mastello ed è caduto nelle scale in un vicolo di via San Giovanni, Maurizio Sanna: “Luci spente da venti giorni, ho ferite al volto e alle gambe. Succede ogni anno quando accendono le luminarie natalizie, voglio essere risarcito. La beffa? Dopo l’incidente i lampioni sono stati finalmente riattivati”

È caduto per le scale del vico III San Giovanni, nel rione cagliaritano di Villanova, e si è ferito al volto e alle gambe. Maurizio Sanna, disoccupato 53enne, ieri notte se l’è vista davvero brutta. Strada buia, l’uomo stava portando fuori il mastello dell’umido quando è inciampato ed è finito sull’asfalto: “Colpa, purtroppo, dei lampioni, spenti da venti giorni. Non ai vedeva a un metro di distanza, mi si sono rotti anche gli occhiali. È arrivata un’ambulanza del 118 ma ho rifiutato il trasporto all’ospedale perché mi hanno detto che avrei dovuto attendere almeno cinque ore prima di essere visitato”, racconta, ancora molto malconcio, il 53enne. “È intervenuta anche una pattuglia della polizia Locale. Ogni anno, quando montano le luminarie, è la stessa storia”.

 

Il malcapitato è deciso: “Chiederò un risarcimento all’amministrazione comunale, devono almeno ripagarmi gli occhiali, distrutti. Oggi, poi, solo dopo il mio incidente, i lampioni sono nuovamente funzionanti. Si doveva davvero arrivare a questo?”.