Cagliari, boom di presenze per il tour di Ferragosto

Oltre cento i partecipanti del doppio tour nel centro storico

C’erano cittadini di ogni età, grandi e piccini, anziani e bambini al TOUR GUIDATO di FERRAGOSTO svoltosi a Cagliari SABATO SCORSO. Un evento ideato per il terzo anno consecutivo dal team esplorativo Sardegna Sotterranea, che ha coinvolto stavolta più che mai peruviani, tedeschi, inglesi e russi: turisti che, giunti in Sardegna per una breve vacanza, hanno scelto Cagliari come meta da visitare grazie all’invito dell’associazione speleologica guidata da Marcello Polastri, guida turistica e autore di volumi sulla Sardegna. 
Oltre cento i partecipanti del doppio tour, il primo svoltosi la mattina ed il secondo a tarda sera; persone mosse dalla voglia di scoprire i lati meno conosciuti di Cagliari, guidati da poeti e scrittori alla scoperta dei quartieri di Castello, Marina e Stampace, anche con le dotte spiegazioni dello studioso Giuseppe Serra e del poeta Fabrizio Raccis. 
Degustando un aperitivo all’ombra della torre dell’elefante, i curiosi gitanti, hanno potuto assistere dinnanzi ad un suggestivo tramonto, alla rievocazione storica di quando il Castello, al tempo delle dame e dei cavalieri, era un caposaldo pisano e poi spagnolo. Le leggende della città di pietra, dei suoi monumenti (una capatina nelle chiese di Santa Croce e Santa Maria del Monte), la Cattedrale con l’Assunta dormiente, la plazuela ora Piazza Carlo Alberto e le sue storie legate ai nobili condannati al patibolo, infine una discesa nella Cagliari sotterranea, tra le cripte funerarie e i resti delle tetre prigioni, ha messo in luce aspetti meno noti delle strade e del sottosuolo dei palazzi blasonati. 
Insomma tante le novità che sono andate in scena in questa iniziativa culturale, poetica e di approfondimento storico, pensato per quanti sono rimasti, da  soli o in compagnia, nella nostra città, che al tempo stesso, con l’apporto delle associazioni culturali coinvolte, ha nel suo piccolo aumentato l’offerta turistica del capoluogo. Anche per la passione delle guide che hanno coinvolto da mattina a sera il pubblico, raccontando passo dopo passo, storie dominino e dei monumenti. 
 
L’idea delle associazioni Sardegna Sotterranea e Gruppo Cavità Cagliaritane con Archeo-Cagliari, ha nell’insieme consentito ai più di visitare la città da un punto di vista differente, riscoprendola con curiosità, attraverso salutari passeggiate nelle sue strade, nei vicoli, tra i palazzi, le epigrafi, le chiese, insomma tutti i monumenti ed anche i sotterranei. Il tutto grazie al web portale SARDEGNA SOTTERRANEA che contiene notizie su esplorazioni di luoghi inediti, e consente i scoprirli, in compagnia, e così le radici del nostro passato.


In questo articolo: