Cagliari, a Sant’Elia intervengono i mezzi per eliminare l’incubo del lago fognario

Intervento dei mezzi di autospurgo con numerosi operai, poco fa, nel quartiere popolare di Sant’Elia a Cagliari, dopo i reiterati appelli per risolvere il problema delle esondazioni idrico fognarie in via Schiavazzi


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Intervento dei mezzi di autospurgo con numerosi operai, poco fa, nel quartiere popolare di Sant’Elia a Cagliari, dopo i reiterati appelli per risolvere il problema delle esondazioni idrico fognarie in via Schiavazzi.
“Felice per queste attività” il consigliere comunale Marcello Polastri il quale aveva sollecitato die giorni fa, con un esposto AREA, l’Agenzia per l’Emergenza Abitativa, il Comune di Cagliari e la Società Abbanoa,  in veste di gestire idrico metropolitano.
Quest’ultima però, nella giornata di ieri, aveva diffuso un comunicato stampa manifestando la propria estraneità ai fatti, e quindi di non avere competenza sul problema che ha afflitto per  settimane gli abitanti del rione nel quale le palazzine,  per la maggior parte, sono di proprietà di AREA chiamata anch’essa a occuparsi del problema, e le strade, invece, comunali.
“Sta qui il nodo della questione – precisa Polastri – perché evidentemente tre enti pubblici non si mettono ancora d’accordo, e ciò accade da anni. Fino a quando verrà il momento del potenziale danno all’erario e la ricerca del perché spendere ogni tre mesi per interventi-tampone e non per il rifacimento completo della rete idrico-fognaria oramai fatiscente”.
In ogni caso, gli appelli degli abitanti con in testa  l’esposto di Marcello Polastri, sono andati ancora una volta a segno e il lago d’acqua fetida, eliminato. Tuttavia, causa questo inconveniente, i liquami sono penetrati in  un vano ascensore delle palazzine popolari causando un gravissimo guasto, con il blocco dell’ascensore e il distacco dell’energia elettrica nello stabile. Su quest’inconveniente, pur sempre legato alle periodiche esondazioni delle fogne, il consigliere Polastri ha già contattato  l’Agenzia per l’emergenza abitativa, dalla quale è ora atteso un celere intervento risolutore.


In questo articolo: