A caccia a Santadi con un’arma clandestina, arrestato un cacciatore di Giba

Cacciava cinghiali imbracciando un fucile di calibro 12, ma era destinatario di un decreto del Prefetto di Cagliari che gli vieta la detenzione di armi, munizioni e materiale esplodenti ed è stato fermato dalla Forestale. L’uomo si trova agli arresti domiciliari nella propria abitazione

Santadi, un arresto e una denuncia per violazioni alle norme in materia di armi. Ai domiciliari un cacciatore per porto abusivo e detenzione illecita di arma clandestina e denunciato un altro cacciatore per porto abusivo di fucile da caccia. Tutto dopo i controlli effettuati nei confronti di una compagnia di caccia grossa.

Nella mattina di ieri, il personale della Stazione Forestale di Santadi ha effettuato un servizio istituzionale in località “ Sa Mirra” dell’agro di Santadi, finalizzato alla prevenzione e repressione delle attività illecite in materia di caccia. Durante l’operazione la pattuglia ha fermato un cacciatore di una compagnia di caccia grossa, intento a esercitare la caccia al cinghiale con il sistema della “battuta”, che imbracciava un fucile di calibro 12 caricato mediante cartucce a pallettoni e privo di matricola.

La persona immediatamente identificata come M.G., è un residente del Comune di Giba. Dagli accertamenti, eseguiti presso la Stazione dei Carabinieri di Giba, l’uomo è risultato privo di licenza di porto d’armi e di autorizzazione alla detenzione del fucile, in quanto destinatario di un decreto emesso dal Prefetto di Cagliari che vieta la detenzione di armi, munizioni e materiale esplodenti.

A seguito di tali accertamenti, sentito il Pubblico Ministero di turno, la persona è stata sottoposta agli arresti domiciliari e sono state eseguite le perquisizioni presso il suo domicilio, per i reati di porto e detenzione illegale di arma comune da sparo di origine clandestina. L’arma è stata sottoposta a sequestro probatorio.

Nella stessa compagnia, la pattuglia del Corpo forestale ha denunciato a piede libero F.R., residente a Giba, in quanto privo di licenza di porto di fucile da caccia. Anche in questo caso sono state eseguite le perquisizioni domiciliari e sono stati sequestrati il fucile di calibro 12 e il relativo munizionamento.


In questo articolo: