Bimba sarda contesa, Regione in campo: “Task force della Garante per l’infanzia, piccola da tutelare”

La vicenda della bambina di Baressa, che nelle prossime ore dovrà raggiungere il padre di Viterbo, come deciso dal Tribunale, mette in moto la Regione: “Bisogna tutelarla da tutti i possibili traumi”

La Garante regionale per l’infanzia attiva una task force a tutela della bimba sarda contesa. “I Garanti regionali per l’infanzia e l’adolescenza della Sardegna e del Lazio seguono con la massima attenzione la vicenda della bambina sarda contesa tra i genitori e ora affidata al padre residente nel viterbese”. Così si legge in una nota diramata dalla Regione. “L’iniziativa di attivare la ‘rete’ è stata presa  dalla Garante regionale Grazia Maria De Matteis che, dopo aver verificato che la dolorosa vicenda del distacco della bambina dalla madre sia avvenuta nel pieno rispetto della legge, ha contattato telefonicamente il collega del Lazio Jacopo Marzetti per richiedere allo stesso anche il suo intervento in quanto la bimba si trova ormai in quel territorio”.

“Non posso e non voglio entrare nel merito degli aspetti giudiziari avendo piena fiducia nell’operato di tutti gli organi istituzionali intervenuti nella vicenda – ha sottolineato la Garante – ma quello che mi preme è garantire l’interesse superiore della minore e tutelarla da tutti i possibili traumi richiamando i genitori al primario ruolo di garanti della serena crescita dei figli”. La Garante De Matteis vigilerà sugli sviluppi della vicenda in continuo contatto con il Garante del Lazio.


In questo articolo: