Assemini, ditta di demolizioni nasconde al Fisco 165mila euro: la scoperta della Finanza

L’incasso di due anni? 648mila euro, con costi vicini al mezzo milione: dalle carte “spariscono” 165mila euro. L’evasione scoperta dalle Fiamme Gialle

Una ditta di demolizioni di Assemini ha nascosto al Fisco 165mila euro di ricavi. La scoperta è stata fatta dai militari della Guardia di Finanza della seconda compagnia di Cagliari, che hanno concluso una verifica fiscale che ha permesso di scoprire, da parte della ditta di demolizioni, 648507 euro di ricavi complessivi, omettendo di presentare le dichiarazioni dal 2016 al 2018. La scoperta è avvenuta in seguito a una specifica attività di intelligence, che ha coniugato le informazioni acquisite durante la quotidiana attività di controllo economico del territorio e le risultanze derivanti dalla consultazione delle banche dati utilizzate dal Corpo.

 

Proprio questi riscontri hanno fatto emergere sin da subito indici di anomalia, rappresentati dal fatto che la persona sottoposta a verifica è risultata essere evasore totale per le due annualità d’imposta, non avendo presentato le prescritte dichiarazioni ai fini delle imposte dirette e dell’Iva, nonostante avesse intrattenuto rapporti commerciali con altre società per un volume di vendite pari a 648507 euro. A fronte dei ricavi conseguiti dalla ditta, le Fiamme Gialle hanno anche ricostruito i costi effettivi documentati sostenuti dalla stessa pari a 484013 euro, quantificando in 164494 euro la base imponibile netta non dichiarata. L’intervento si inserisce nel più ampio ed articolato dispositivo della Guardia di Finanza finalizzato a tutela del circuito economico legale e al contrasto dell’evasione fiscale, fenomeno che produce effetti negativi per l’economia, danneggia le risorse economiche dello Stato ed accresce il carico fiscale per i cittadini onesti.


In questo articolo: