Arriva il car sharing a Quartu, ecco sedici postazioni per le auto in affitto in città

ARRIVA IL CAR SHARING A QUARTU, 16 POSTAZIONI PER LE AUTO IN AFFITTO IN CITTA’- L’Assessore al Traffico Piccoi: “Servizio a costo zero per il Comune”. Il Sindaco DElunas: “La comodità dell’auto, con un netto risparmio”

Anche la città di Quartu potrà godere dei vantaggi del Car Sharing. Il Consiglio Comunale ha infatti votato all’unanimità l’adesione al programma che la Città Metropolitana di Cagliari sta portando avanti, in modo integrato, in tutto il territorio metropolitano. Una novità in linea con gli obiettivi di decongestione del traffico e sviluppo della mobilità sostenibile perseguiti dall’Amministrazione. Il prossimo passo sarà quindi l’approvazione dello schema di convenzione tra il Comune e la Città Metropolitana di Cagliari.

 

Il Car Sharing è un servizio innovativo di mobilità che permette agli utenti di prenotare ed utilizzare un veicolo per un periodo di tempo breve, pagando un corrispettivo in ragione dell’utilizzo effettuato. Il suo scopo è quello di invogliare i possessori di mezzi privati a rinunciarci quando questi risultano sottoutilizzati, proponendo quindi l’uso di un mezzo in modalità condivisa.

 

Lo sviluppo di politiche efficienti, sicure e sostenibili relative al trasporto e alla mobilità è un obiettivo primario per guardare con maggiore serenità al futuro. È pertanto opinione comune la necessità di incentivare l’uso collettivo delle autovetture, e quindi promuovere nelle città il servizio pubblico di Car Sharing, che garantisce una progressiva riduzione delle emissioni atmosferiche inquinanti.

 

Nel corso dell’ultima seduta, il Consigliere Metropolitano Fabrizio Marcello, Delegato in materia di Viabilità, Mobilità e Trasporti, ha spiegato il progetto ai consiglieri quartesi, entrando nel dettaglio di tutti i vantaggi che derivano dall’iniziativa, e poi ringraziato gli altri Consiglieri Metropolitani quartesi Antonio Lobina, Martino Sarritzu e Davide Galantuomo per il lavoro portato avanti insieme in questi anni.

 

“Il Car Sharing permetterà all’utenza di risparmiare soldi senza rinunciare alle esigenze della mobilità – commenta il Sindaco Stefano Delunas -. I cittadini che sceglieranno di utilizzarlo avranno infatti la massima flessibilità negli orari e una vasta scelta per quanto riguarda la gamma di veicoli a disposizione, tutti di ultima generazione. Con le auto elettriche peraltro potranno parcheggiare negli stalli blu gratuitamente. Oltre al servizio di utilità per i cittadini stiamo quindi anche mettendo in atto politiche di mobilità sostenibile utili a tutta la collettività”.

 

Le vetture che verranno messe a disposizione dell’utenza saranno infatti tutte conformi alla normativa sulla riduzione delle emissioni inquinanti e munite dei recenti dispositivi di sicurezza. Il servizio sarà inoltre agevolmente fruibile dalle fasce più deboli della società, quali gli anziani, i portatori di handicap e anche i giovani, che potranno, così, disporre di un mezzo di trasporto per il tempo strettamente necessario alle proprie esigenze, con l’eliminazione dei costi fissi di un’autovettura di proprietà.

 

“La Città Metropolitana di Cagliari affiderà in gestione a soggetti terzi il servizio, che risulterà a costo zero per il Comune – spiega l’Assessore al Traffico, alla Viabilità e alla Mobilità Piero Piccoi -. L’Amministrazione comunale avrà infatti il solo onere di mettere a disposizione gratuitamente le aree per il ritiro e il rilascio del veicolo, ubicate in zone strategiche e facilmente raggiungibili a piedi, quindi in punti di grande concentrazione di attività lavorative e/o laddove siano presenti i principali punti di scambio con altri sistemi di mobilità sostenibile, quali fermate dell’autobus del trasporto pubblico, bike sharing, ecc”.

 

Quali zone di sosta dei veicoli riservati al servizio ‘Car Sharing Metropolitano’ sono già state individuate nel territorio cittadino 12 aree, costituite ciascuna da 2 posti auto abbinati, dislocate sia nel centro città che al Poetto. Altre 4 postazioni saranno presto individuate nel lungo litorale costiero.



In questo articolo: