Antonello Garau a Radio Casteddu: “In isolamento da 10 giorni senza luce e acqua calda”

La storia Antonello Garau, cagliaritano, 54 anni, rientrato dall’estero e costretto alla quarantena. Dieci giorni fa torna a casa sua ad Aritzo trova sbarrata la porta di casa sua che dà accesso al vano del contatore e non riesce a recuperare le chiavi. Da lì i disagi: “E oggi la notizia: devo lasciare la mia abitazione”

“Ho parlato con la vigilessa io me ne devo andare da casa mia Aritzo. Io voglio che entrino in contatto con me i servizi sociali”. Antonello Garau, cagliaritano, 54 anni, racconta la propria disavventura a Radio Castedu: 10 giorni fa è rientrato dall’estero e deve fare la quarantena. Qui in Sardegna aveva due opzioni per far trascorrere le giornate: una casa a Cagliari oppure un’altra ad Aritzo. Sceglie quest’ultima per agevolare l’isolamento e così si trasferisce nel cuore della Barbagia in un appartamento di Aritzo, di cui è comproprietario assieme a due familiari. Ma qui trova bloccata la porta che dà accesso al contatore e alla caldaia. Scopre che la chiave era stata consegnata dai familiari a un operaio che custodiva la e, forse a causa di un’incomprensione o di un equivoco coi familiari, non gli viene consegnata. E così Garau dal 23 gennaio vive in isolamento senza acqua calda, senza riscaldamento e senza corrente elettrica. Riesce a comunicare grazie alle batterie che gli vengono ricaricate dai parenti.

E poco fa la novità. La polizia municipale di Aritzo ha intimato a Garau di abbandonare l’appartamento. Lui lancia un appello: “Voglio parlare coi servizi sociali. Aiutatemi”.

 

Risentite qui l’intervista a Antonello Garau
e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU


In questo articolo: