Alberto, ristoratore di Cagliari: “Clienti quasi spariti per il Coronavirus, costretto a chiudere il locale”

CAGLIARI, MOLTI RISTORANTI CHIUDONO SINO AD APRILE- Posti dimezzati e nuove regole sulla distanza tra i tavoli e crollo degli incassi, Alberto Melis chiude ristorante e bistrot: “Ferie forzate per 35 dipendenti e arrivano le tasse da pagare. Qui tutti hanno preso l’emergenza sottogamba, in Cina invece sono organizzati molto meglio”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Ha analizzato bene la situazione, di crisi, e alla fine ha gettato la spugna. Alberto Melis, titolare del ristorante e del bistrot Antica Cagliari alla Marina, da oggi, è a casa. Stesso discorso per i suoi 35 dipendenti, “tutti in ferie forzate. Spero di riuscire a pagarli, siamo in un momento difficilissimo”, ammette Melis. “Ho dovuto ridurre i posti a sedere della metà, da cento a cinquanta, ma negli ultimi giorni i clienti sono diminuiti in maniera drastica. Non potevo fare altrimenti e non farò nessun servizio di consegna a domicilio perché i rischi, negli spostamenti, ci sono comunque”. È triste ma anche arrabbiato, il ristoratore: “L’emergenza Coronavirus è stata sottovalutata, molti italiani l’hanno presa sottogamba mentre in Cina, dove vivono un miliardo di persone, sono comunque corsi subito ai ripari e hanno rispettato le regole senza batter ciglio. Qui a Cagliari, sino a pochi giorni fa, c’era tantissima gente ammassata al Poetto, assurdo”. I tavoli di Melis sono già vuoti, i fornelli delle cucine sono freddi e la cassa, ovviamente, è vuota.

“E tra qualche giorno ci sarannonl pure le tasse da pagare. Il Governo non può lasciarci soli, serve qualche misura straordinaria per tutta la nostra categoria. Il momento della leggerezza è finito, ora bisogna davvero mettersi d’impegno per sperare di poter ripartire al più presto”.


In questo articolo: