Al palo l’inchiesta di Oristano sui furbetti del vaccino: i primi 3 medici coinvolti non saranno sospesi

Doppia decisione, del giudice per le indagini preliminari e del tribunale di Cagliari. Ora la procura valuta il ricorso in Cassazione

Il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Oristano, Silvia Palmas, aveva respinto la richiesta – avanzata dalla procura – di sospendere i tre medici accusati di aver somministrato il vaccino a chi non ne aveva diritto, nella primissima fase della campagna. Ora si è espresso anche, in appello, il tribunale di Cagliari, che ha bocciato in secondo grado le misure cautelari chieste dal procuratore Ezio Domenico Basso, titolare dell’inchiesta aperta per peculato e abuso in atti d’ufficio. Tra le motivazioni del tribunale, la non reiterazione del reato e lo sventato spreco di dosi che, altrimenti, sarebbero andate buttate. I tre medici coinvolti  sono Peppinetto Figus, direttore del distretto socio sanitario di Oristano, Salvatore Piredda e Clelia Peddio, referenti dell’hub vaccinale.

L’inchiesta è stata aperta nello scorso mese di aprile, con una quindicina di indagati. Secondo il procuratore Basso, che si è avvalso delle indagini dei Nas, medici e infermieri avevano permesso ad alcune persone, fra cui amici e parenti, di saltare la fila, garantendosi in anteprima l’immunizzazione con Pfizer, anche diciottenni e ventenni senza alcuna patologia. Ad altri, sempre secondo la procura, sarebbe stato somministrato un vaccino Pfizer nonostante avessero firmato il consenso per AstraZeneca.

La procura potrebbe ora ricorrere in Cassazione.


In questo articolo: