Agente assicurativo truffa i suoi clienti: scatta la denuncia

Il denaro non veniva versato a La Cattolica: Piras lo faceva finire nelle sue tasche.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Avrebbe fatto un centinaio di fotocopie di una polizza originale non ancora compilata, poi avrebbe utilizzato i documenti falsi per raggirare i suoi clienti che, ignari, restavano senza assicurazione. La denuncia all’autorità giudiziaria è scattata per un agente assicurativo di 50 anni, Paolo Piras, nato a Villacidro. L’uomo lavorava come agente di zona a Serramanna, dove qualche settimana fa sono partiti i controlli dei carabinieri, che avevano già ricevuto alcune segnalazioni.

I militari dell’Arma hanno trovato conferma dei loro sospetti in una cartoleria, dove l’assicuratore si era recato proprio per effttuare le fotocopie: una decina, le segnalazioni arrivate ai carabinieri della stazione locale, che hanno anche constatato il meccanismo adottato da Piras. Gli importi relativi a un centinaio di polizze venivano infatti trattenuti per sé da Piras e mai versati all’assicurazione La Cattolica per la quale operava, da libero professionista.

In pratica le polizze non venivano quindi perfezionate, lasciate scoperte e quindi non valide. E così l’assicuratore infedele avrebbe intascato almeno trecentomila euro. I carabinieri ritengono che molte altre polizze risulteranno, a controlli ultimati da parte della Cattolica Assicurazioni, prive di copertura nonostante i proprietari delle vetture avessero regolarmente pagato.