A Quartu è emergenza randagismo, troppi cani abbandonati: “Ecco 30mila euro per le sterilizzazioni”

Branchi di cani che scorrazzano, creando anche pericoli, soprattutto nella zona del litorale. Dopo i tanti sos dei cittadini il Comune prova a correre ai ripari: “Dobbiamo evitare nuove cucciolate indesiderate”

A Quartu il fenomeno del randagismo è ancora una piaga. Sono troppi i cani abbandonati, che gironzolano e scorrazzano tra il centro e, soprattutto, il litorale, dalla zona del Margine Rosso sino a Capitana, passando per il rione di Flumini. E, in più di un’occasione, hanno creato pericoli: la denuncia pubblica del consigliere sardista Tonio Pani, “aggredito da un branco di cani mentre stavo pedalando” è solo l’ultimo di una serie di racconti e segnalazioni fatte dai cittadini. E il Comune cerca di correre ai ripari. Come? “Con 30 mila euro per sterilizzare i cani vaganti o senza padrone, per evitare cucciolate indesiderate e contrastare il fenomeno del randagismo nel territorio”. I soldi sono già stati stanziati e l’amministrazione comunale ha stretto un accordo di collaborazione con l’associazione regionale Effetto Palla Odv, che dal 2016 “si occupa sul campo di progetti di contrasto al randagismo e benessere animale, di salvaguardia della fauna selvatica, nonché del recupero e della riabilitazione di animali in stato di necessità”.

 

 

Dal Comune confermano di avere ricevuto “molteplici segnalazioni di cittadini e volontari” e visto che al momento è impossibile rivolgersi a “professionisti in grado di svolgere l’incarico a titolo di convenzione, il Comune di Quartu ha accolto la proposta progettuale” fatta dalla Effetto Palla. Il progetto prevede inoltre anche eventi specifici quali eventi quali i “Chip day” o giornate di approfondimento relative all’importanza delle sterilizzazioni degli animali vaganti.

 

 

L’associazione Effetto Palla opera senza fini di lucro e i suoi volontari si sostengono solo con le offerte. Da wui la decisione del Comune di aprire il portafoglio e tirare fuori trentamila euro, per “garantire l’esecuzione rapida del progetto e la copertura delle spese necessarie al suo avvio”.