Turista parcheggia l’auto sulla spiaggia a Golfo Aranci, web in rivolta: “Una follia”

Le foto pubblicate da un vacanziero su un gruppo Facebook dedicato alle Alfa Romeo. Fioccano i messaggi di condanna, ma lui si difende: “Me l’hanno detto i parcheggiatori di metterla lì, e poi era sul ciglio della strada. Pago le tasse come tutti”

Blu fiammante, carrozzeria pulita e specchietti laterali ben “piegati”. Ma c’è un problema: le sue ruote poggiano a ridosso della spiaggia di Golfo Aranci, vicino alle calette. In alcune foto il terreno è sterrato, in altre si vedono le ruote che poggiano sulla sabbia. Le foto pubblicate su un gruppo Facebook dedicato alle Alfa Romeo da un turista piemontese non sono passate però inosservate, e sono state condivise anche su una delle tante pagine social dove vengono denunciati presunti “sfregi” alla Sardegna. Ovviamente, per motivi di privacy, le immagini a corredo di questo articolo sono state schermate, visto che allo stato attuale non risulta esserci nessun tipo di provvedimento o infrazione accertata. Ciò che è certo è che il popolo del web si è subito scatenato: “Ecco a voi il figo di turno, mi auguro abbiano già provveduto a fargli una bella multa”, si legge a corredo del post pubblicato dalla pagina social “sarda”. “Non c’è più rispetto da noi”, “io avrei chiamato i vigili”, “se potesse andrebbe in bagno con l’auto”. Questa una sintetica carrellata dei commenti piovuti sotto l’immagine, anche se c’è chi chiede “di verificare se le ruote tocchino o no la sabbia”.

 

E il titolare dell’auto, dal canto suo, si difende e contrattacca: “Sono in una caletta e il parcheggio era pieno e mi è stato detto di metterla lì dai gestori. Sono qui e pago e sono con la mia famiglia”. Per il vacanziero il problema non sembra esistere: “Sono qui a pagare cinquanta euro al giorno un ombrellone e due sdraio e dieci euro di  parcheggio, mi avessero fatto una ca*** di ricevuta… Provate a pensare i problemi e la falla dove si trova, e non dove ho parcheggiato la mia ‘bimba’”. Anche perché “i posti erano finiti, ci siamo accordati per mettere l’auto lì, oltre la mia ce n’erano altre cento, almeno. I parcheggi sono piazzali di fortuna vicino alle calette, quindi non comunali. Ho un’azienda, pago le tasse e sono qui in ferie in Sardegna, sono onesto, lavoratore e ho una famiglia”.


In questo articolo: