Tracce incise nel tempo, pagine di storia arborense a Oristano

25 NOVEMBRE 2021
Giornata Internazionale
per l’eliminazione della violenza contro le donne.

In occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, il 25 novembre, anche il Museo Diocesano Arborense partecipa alla ricorrenza istituita nel 1999 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, organizzando un evento volto a sensibilizzare l’opinione pubblica e ricordare che qualsiasi atto che si traduca o possa provocare danni o sofferenze fisiche, sessuali o psicologiche alle donne, comprese le minacce di tali atti, la coercizione o privazione arbitraria della libertà, sia che avvengano nella vita pubblica che in quella privata, è da considerarsi violenza.

Per l’occasione il Museo ha selezionato un’artista donna e raffinata come Josephine Sassu. Le sue due opere, “My life review experience”, verranno esposte nell’ambito della mostra “Madri. Arte paesana nella ceramica moderna italiana”.
Ad accompagnarle ci sarà inoltre una rara medaglia della prima metà dell’ottocento, voluta da Carlo Alberto, che sancisce l’abolizione del feudalesimo in Sardegna. Lo sforzo e lo slancio verso la modernità del sistema economico di allora, e di conseguenza sociale, purtroppo ancora oggi non è coinciso con un grado di civiltà che vede invece ancora la donna discriminata e privata del suo ruolo nella società, in subordine all’uomo.

Parteciperanno all’evento, che avrà inizio alle ore 10.00, una rappresentanza degli alunni del Liceo Artistico e del Liceo Classico. Sarà presente l’artista Josephine Sassu e Francesca Marras del Centro antiviolenza Donna Eleonora di Oristano che patrocina l’iniziativa.
L’esposizione sarà aperta al pubblico dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 18.00 e sarà visitabile nei giorni a seguire secondo i normali orari di apertura del museo (giovedì e venerdì dalle 17 alle 20, sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20).


In questo articolo: