Tharros-San Marco, quel derby dal sapore antico che non passa di moda: domani la super sfida

Sono passati sette anni da quell’ultimo derby e tante cose sono cambiate, all’interno delle due società che, domani, si ritroveranno a sfidarsi, in un torneo di Prima Categoria, come non accadeva da decenni. Quel che non cambia é la passione che, ancora, questo derby riesce a suscitare tra i tifosi locali

di Salvatore Madau

Tharros – San Marco, quel derby dal sapore antico che non passa di moda. Sono lontani i tempi in cui, Tharros e San Marco si contendevano il primato isolano del calcio dilettantistico, affrontandosi in sfide avvincenti, nel campionato Interregionale. Un’altra era calcistica, ormai consegnata alla storia del calcio dilettantistico regionale, i cui protagonisti, ancora oggi, tra Cabras e Oristano, sono ricordati come icone di un calcio dal sapore antico, capace di riempire gli spalti ai limiti della capienza, a Oristano, come a Cabras. Quando Sky era lontana da venire e la serie A si seguiva in cuffia alla radiolina, con un orecchio a San Siro e due occhi fissi su quel pallone che i rispettivi bomber Gianfranco Sanna e Sandrino Isu accarezzavano, per spedirlo in rete, con buona pace dei portieri avversari e tripudio sugli spalti, per i tifosi. Agli albori degli anni novanta, il tracollo dei lagunari, con la Tharros rimasta orfana, per tanti anni, della sua storica rivale.

Dalla rifondazione della San Marco, nel 2008, complici i diversi cammini sportivi delle due squadre, si sono disputati, solamente, due derby, che risalgono alla stagione 2011/12. Entrambe le squadre disputavano il campionato di seconda categoria e sulla panchina dei lagunari, per uno strano scherzo del destino, sedeva il decano degli allenatori oristanesi, Nino Cuccu, eccellente e stimato professionista, dal cuore, indiscutibilmente biancorosso, in ragione dei suoi lunghi trascorsi sulla panchina della, Tharros. La gara di andata, disputata al comunale di Cabras, vide imporsi i rossoneri per 2-0. Al ritorno, sul manto erboso del campo Tharros di Oristano, stesso risultato ma in favore della Tharros. Sono passati sette anni da quell’ultimo derby e tante cose sono cambiate, all’interno delle due società che, domani, si ritroveranno a sfidarsi, in un torneo di Prima Categoria, come non accadeva da decenni. Quel che non cambia é la passione che, ancora, questo derby riesce a suscitare tra i tifosi locali, ridestando quel sano campanilismo, in fondo, mai sopito, tra Oristano e Cabras e di cui, le rispettive tifoserie sapranno dare prova, dagli spalti, oggi come allora, tra bandiere, striscioni, grida e sfottó.


In questo articolo: