“Test per l’intolleranza al lattosio solo tra 6 mesi a Cagliari, come faccio con i dolori?”

L’impegnativa del medico c’è, la data per l’esame no. M. D., 46enne cagliaritano: “Prima disponibilità tra pochi giorni ma a Lanusei, troppo lontano: dovrò cercare un’alternativa, magari nei laboratori convenzionati, ma è comunque ingiusto”

Primo posto libero per poter eseguire un breath test al lattosio? “Tra sei mesi. Così mi hanno risposto all’Oncologico di Cagliari”. A raccontare quello che ha tutta l’aria di essere l’ennesimo disagio legato al mondo della sanità sarda è M.D., 46enne cagliaritano. Il suo racconto è simile a una mini corsa ad ostacoli: “Il ventuno settembre sono andato al poliambulatorio di Quartu, dovevo pagare circa venti euro per poter essere visitato ma non avevo cambio, solo cento euro interi. Sono tornato il giorno seguente con il cambio, nessuna difficoltà”. Poi, la visita. E l’esito, messo nero su bianco nel classico foglio rosa: “Breath test lattosio” a causa di “algie addominali”. Così, il 46enne, mercoledì scorso, si è recato all’Oncologico: “Dovevo svolgere esami del sangue ed un’ecografia, sul test per il lattosio mi hanno detto che il primo posto libero a Cagliari era solo tra sei mesi. A Lanusei, invece, c’era spazio quasi subito, ma è troppo lontano: ho chiesto anche se in intramoenia i tempi fossero più corti, e mi hanno detto di sì”.

Ma, alla fine, M.D. non ha scelto nessuna delle opzioni disponibili: “Sto valutando soluzioni alternative, magari attraverso i laboratori convenzionati. Perchè dovrei andare sino a Lanusei quando vivo a Cagliari? Non è una questione di soldi o di tempo, ma di logica: inoltre, ho ancora dolori addominali, spero mi passino con la dieta che ho iniziato da qualche giorno”.


In questo articolo: