Tedde (FI): “Trasmissioni in lingua sarda, ma in catalano?”

Passo avanti con emendamento in lingua sarda, ma occorre pari dignità per il catalano

“Apprendiamo con soddisfazione che dopo le nostre ferme prese di posizione, sfociate in una interpellanza al Presidente Pigliaru, due deputate del PD della Commissione Cultura e della Commissione Trasporti e Telecomunicazioni della Camera, che  nei prossimi giorni dovranno esaminare il disegno di legge di riforma della RAI, si accingono a proporre un emendamento al ddl di riforma della Rai per stabilire che  per la Regione Sardegna siano realizzate trasmissioni radiofoniche e televisive in lingua sarda”. Lo ha dichiarato Marco Tedde, vicecapogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale. 

“Senza dubbio – prosegue l’esponente azzurro-  si tratta di un significativo atto di resipiscenza rispetto al voto contrario del PD in Senato all’emendamento che nel quadro della riforma della RAI prevedeva la possibilità di inserire anche la lingua sarda. Ci lascia però perplessi – sottolinea Tedde- il fatto che l’emendamento pare non contenere il richiamo alla lingua Catalana di Alghero che nell’ordinamento nazionale e regionale assieme alla lingua sarda ha la medesima dignità di quella italiana. Auspichiamo che le due deputate integrino l’emendamento, affinché nelle disposizioni relative alla riforma della Rai siano previste specifiche misure che contemplino la programmazione e la realizzazione di trasmissioni radiotelevisive in lingua sarda ma anche in quella catalana. Diversamente saremmo costretti a pensare che la gaffe dell’Assessore regionale della cultura, che ha definito il Catalano di Alghero una variante del sardo, non è solo frutto di sciatteria ma di un ben preciso disegno di revisionismo culturale e di marginalizzazione della lingua catalana portato avanti da esponenti della sinistra sarda. Sarebbe anche un vero e proprio ceffone alle politiche di tutela e valorizzazione linguistica praticate dalla UE nei confronti delle lingue regionali, in attuazione – ha concluso Tedde- dell’art. 22 della carta europea dei diritti fondamentali”.


In questo articolo: