Stop sino al 5 marzo agli impianti da sci, incertezza sulla riapertura di piscine e palestre

Preoccupa la variante inglese del virus, dietrofront del governo. Protesta il deputato sardo di Fai Salvatore Deidda, Ricciardi chiede un nuovo lockdown immediato e totale in Italia

Stop sino al 5 marzo agli impianti da sci, incertezza sulla riapertura di piscine e palestre. Preoccupa la variante inglese del virus, dietrofront del governo. Protesta il deputato sardo di Fai Salvatore Deidda: “Il Governo Draghi, annunciando la chiusura ulteriore degli impianti sciistici fino al 5 marzo, attraverso l’ordinanza del Ministro della Salute Speranza, prosegue la pessima attività del Governo Conte nel metodo e nella sostanza. Un intero comparto che è stato bloccato fino ad oggi e si era organizzato per ripartire cercando di salvare la stagione, non ha fatto in tempo a riattivare gli impianti che subito è stato bloccato. Alle mancate entrate si aggiunge il danno delle risorse impiegate per le riaperture, con la solita promessa offensiva di futuri ed ipotetici ristori. In perfetta continuità con il precedente Governo Conte, l’Esecutivo Draghi parte malissimo”, è quanto dichiara Salvatore Deidda, Deputato di FdI


In questo articolo: