Sestu, cene e feste tra amici nonostante il Coronavirus: “Vengo a prendervi a schiaffi”

La rabbia della sindaca Paola Secci contro gli “incivili” che se ne fregano delle nuove regole: “Il prossimo caso che mi segnalano non chiamo neanche i carabinieri ma vado direttamente a casa vostra”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

C’è chi, tra i sindaci sardi da sempre in prima linea per far rispettare le regole anti Coronavirus, non ne può proprio più di sapere che c’è qualche irresponsabile che, nonostante il consiglio di restare in casa, continua a fare di testa propria. È il caso della sindaca di Sestu, Paola Secci: “Mi hanno segnalato che qualcuno se ne sta fregando alla grande degli avvisi e sta facendo cene e festini con amici, parenti e vicini di casa”, scrive sul suo profilo ufficiale di Facebook. A oltre una settimana dalla stretta del Governo Conte, con bar e ristoranti sbarrati e i fogli di giustificazione da compilare ogni qual volta si mette il naso fuori da casa, quindi, continua la sagra dell’inciviltà. Che fare, ormai? La Secci propone un metodo non propriamente ortodosso.
“Giuro che il prossimo caso che segnalano non chiamo neanche i Carabinieri e a costo di prendermi il Covid-19 vado direttamente a casa vostra a prendervi a schiaffi!”.


In questo articolo: