Sennori, ecco i distanziatori sociali nelle strade: come cambia la Sardegna nel dopo virus

Il tracciamento, realizzato con vernici speciali al quarzo che garantisce una durata di diversi mesi, è stato affidato agli artisti sennoresi per dare un tocco di originalità, colore e bellezza all’intervento, che altrimenti si sarebbe risolto nella semplice apposizione di linee per terra

Sono stati tracciati  nel suolo di Sennori i distanziatori sociali in 140 siti del paese (uffici pubblici, esterno dei supermercati, negozi, luoghi di culto). Il tracciamento, realizzato con vernici speciali al quarzo che garantisce una durata di diversi mesi, è stato affidato agli artisti sennoresi per dare un tocco di originalità, colore e bellezza all’intervento, che altrimenti si sarebbe risolto nella semplice apposizione di linee per terra. L’intervento prevede inoltre la stampa e affissione dei manifesti della campagna di sensibilizzazione per l’uso delle mascherine e delle regole prescrite dal Ministero della Sanità. Le opere pubbliche sono state realizzate con i fondi recuperati dallo slittamento della quota capitale dei mutui del Ministero dell’Economia e delle Finanze e sono fondi vincolati che possono essere utilizzati solamente per azioni dirette al contenimento del rischio epidemiologico da Covid-19.
La spesa è di 5 mila euro “assolutamente in linea con i prezzi del mercato e – come spiega l’amministrazione – è ampiamente giustificata da tre motivi: 1) garantire la sicurezza dei cittadini che si rivolgono ai servizi pubblici come uffici, negozi ecc, dando loro modo di osservare la distanza interpersonale indicata dalle disposizioni del Ministero della Sanità; 2) aiutare le attività commerciali sollevandole dall’incombenza, e dai costi, di dover provvedere autonomamente a tracciare le distanze davanti ai loro esercizi per regolare l’afflusso della clientela, così come disposto dai provvedimenti del Governo e dalle ordinanze regionali e comunali; 3)sensibilizzare i cittadini al rispetto delle regole come il ministero della Salute consiglia”. In merito alla realizzazione di questo progetto è nata una polemica all’interno del paese. “Ancora una volta – chiarisce il Comune – dobbiamo constatare con amarezza l’inutilità di polemiche e strumentalizzazioni politiche, per fortuna di pochi visto che la maggior parte dei sennoresi ha apprezzato l’iniziativa, su un intervento per cui non si sperpera certo denaro; un intervento utile a tutta la cittadinanza in termini di sicurezza e anche di decoro urbano. In un periodo di grande difficoltà, un periodo in cui la paura per il presente e l’incertezza per il futuro possono rendere tutti più fragili, mi auguro che i sennoresi, come in gran parte stanno già facendo, mettano in campo solidarietà e collaborazione. Stiamo dimostrando di essere una grande comunità, unita, capace di saper lavorare nella stessa direzione, per il bene collettivo. Ai pochi che ancora continuano a cercare appigli per alimentare inutili polemiche, chiedo di farsi un esame di coscienza e chiedersi se quello che fanno può avere un senso e determinare vantaggi per Sennori e per i sennoresi. L’amministrazione comunale è sempre disponibile a un dibattito costruttivo e ad ascoltare i pareri e i consigli dei cittadini. Per le liti, le critiche fini a sé stesse, le polemiche e le strumentalizzazioni politiche, le porte saranno invece sempre chiuse”.


In questo articolo: