Sardegna, no del Consiglio ai rifiuti radioattivi: Oppi si astiene

La strana astensione dell’ex assessore regionale sulle scorie 

Il Consiglio regionale ha approvato un ordine del giorno unitario sulla totale indisponibilità alla dislocazione nel territorio della Sardegna della sede del deposito nazionale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività. Il consigliere Oppi ( Area Popolare sarda) si è astenuto. 
L’ordine del giorno impegna il presidente della giunta a proseguire nell’azione intrapresa ponendo in essere tutte le azioni istituzionali, ed eventualmente anche amministrative e giudiziarie, che verranno ritenute opportune e necessarie per avviare un confronto con il governo affinchè sia rispettata la volontà espressa dal popolo sardo in occasione del referendum consultivo del maggio 2011.
Nell’ordine del giorno si chiede, inoltre, di promuovere un’azione congiunta con i parlamentari sardi per scongiurare il pericolo della costruzione del deposito unico delle scorie nucleari in Sardegna e a difendere in ogni sede ed ambito la specificità dell’Isola.


In questo articolo: