San Giovanni, record di visitatori: Cagliari stregata dai sotterranei

Oltre 7mila visitatori soltanto oggi sino alle 16,30

Ogni giorno un nuovo record di  pubblico per “San Giovanni-Non solo un monumento”. Alle 16.30 di oggi erano già oltre 7mila (per la precisione 7.235) le persone che hanno potuto ammirare i tesori del San Giovanni di Dio, opere d’arte e i sotterranei
I sotterranei e le  altre opere d’arte sono visitabili grazie allo sforzo dell’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari e dell’associazione dei dipendenti, Mariposa. Le visite guidate proseguiranno sino alle 20 di questa sera. Per riprendere, poi, sabato 9 e domenica 10 questa volta in collaborazione anche col  Gruppo speleo-archeologico “Giovanni Spano” di Cagliari. Il San Giovanni di Dio è un patrimonio storico e culturale di Cagliari e di tutta la Sardegna. Una grande opera d’arte, la storia della città, dei suoi abitanti che all’interno delle sue mura hanno cercato salute ma anche salvezza. Salvezza anche dalle bombe del 1943 che devastarono il capoluogo. 
Questa sera grande successo di pubblico anche per il concerto di musica gospel dei Black Soul Choir.
Le visite all’ospedale e ai sotterranei sono solo una parte del ricco programma culturale messo a punto dall’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari. Sono previsti appuntamenti con i bambini e i ragazzi domani lunedì 4, sabato 9 e domenica 10 maggio (dalle 16 alle 19, hall San Giovanni di Dio, a cura della Clinica Pediatrica e Ludohospital “Il Sole”), mostre di pittura e fotografiche (sino al 10 maggio, corridoi San Giovanni), concerti (6 maggio Giovani talenti in concerto – Sezione musicale scuola Media Rosas di Quartu Sant’Elena alle 17, Aula Costa , sempre San Giovanni). Infine due convegni: il primo, l’8 maggio alle 17 (Aula Costa) sulla Sanità e Cagliari, con Luigi Minerba (assessore Servizi Sociali Comune di Cagliari), Rosanna Laconi (direttore Pronto Soccorso S. Giovanni), Emilio Montaldo (Medicina Generale), che verrà moderato da  Marco Noce (giornalista dell’Unione Sarda); il secondo il 10 maggio su “Cagliari e la guerra” con il partigiano Geppe, Nino Garau, alle 10.30 Aula Dermos.


In questo articolo: