Quartu, un fiume di offerte per il bambino colpito dalla sindrome di Duchenne: “Già raccolti diecimila euro”

Donazioni spontanee, ma anche eventi e spettacoli realizzati per raccogliere i soldi utili alle visite del piccolo di 6 anni e mezzo. La commozione di mamma Michela e papà Marco, entrambi disoccupati: “Esiste ancora gente sensibile, la battaglia va avanti per poter garantire delle cure efficaci per il nostro tesoro”. CONDIVIDIAMO TUTTI questa bellissima notizia!

“Diecimila euro in tre mesi, se non è un miracolo questo…”. Ha la voce rotta dall’emozione Marco di Quartu, papà di un bambino di sei anni e mezzo al quale è stata diagnosticata la peggiore tra tutte le distrofie muscolari: quella di Duchenne. La vita del piccolo è cambiata radicalmente a dicembre dell’anno scorso, quando i medici hanno diagnosticato la malattia. Uno choc sia per lui sia per i genitori: al dramma “medico” si è aggiunto subito quello “economico”. Già, perché sia Marco (37 anni) sia Michela (35) non navigano nell’oro. Lei fa la casalinga e lui lavora ogni tanto. Uno stipendio sicuro, nella loro casa, non entra da tempo. Così hanno cercato il sostegno con una raccolta fondi su Facebook. E, in appena tre mesi, sono fioccate le donazioni.

“C’è chi ha donato qualcosa direttamente dalla pagina e chi ha anche organizzato eventi e spettacoli. L’ultimo sabato scorso, nella scuola media di Bellavista. L’Asmed ha messo in scena ‘Giannino il gatto’, il biglietto è costato cinque euro e sono venute un centinaio di persone”, racconta Michele. “Il diciotto aprile prossimo saremo al ‘Gemelli’ di Roma per una nuova visita di controllo. La nostra raccolta fondi va avanti, mio figlio è inserito in un programma di cure sperimentali e il sogno è che possa guarire, visto che in America sono già molto avanti con le ricerche per contrastare efficacemente la sindrome di Duchenne. Ecco perché abbiamo comunque bisogno di altri soldi, quelli che non spenderemo per viaggi e visite li daremo in beneficenza”. Di seguito, il link alla pagina ufficiale: https://www.facebook.com/Tutti-Uniti-Per-Samuele-202725250615649



In questo articolo: