Quartu, sì alle giostrine e luna park: “E per i circhi spazi solo per quelli senza animali”

Ok all’installazione, su sagrati o in aree private aperte al pubblico, di piccolissime attrazioni. La Giunta Milia approva le nuove regole, confermato il maxi spiazzo di via Cecoslovacchia a Pitz’e Serra


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Ok confermato ai luna park e alle giostre a Quartu, anche in aree private. La Giunta Milia ha scritto il nuovo regolamento per la concessione di aree pubbliche per lo spettacolo viaggiante, manca solo l’ok del Consiglio comunale. C’è una conferma, ovvero il maxi spiazzo di via Cecoslovacchia a Pitz’e Serra è l’unico spazio pubblico dove potranno essere montati autoscontri, pendoli e tagadà. Ma la novità principale è che sarà possibile presentare le domande per piazzare giostrine e attrazioni anche su sagrati e strade private ma aperte al pubblico. Saranno gli uffici comunali a concedere il via libera, per un periodo non superiore a due mesi. Quindi, sarà possibile installare giostrine, non superiori ai tre metri quadri, anche nelle piazze. Le tariffe per poter portare le attrazioni nella terza città sarda devono ancora essere aggiornate. Tra le aree private più in voga da anni c’è quella di viale Marconi, davanti al centro commerciale: lì il luna park resterà sino a gennaio.

 

 

 

 

E spunta anche una netta presa di posizione, ormai definitiva, legata alla presenza dei circhi in città: chiunque potrà avanzare la richiesta di portare acrobati, giocolieri e ballerine. Ma la pratica è da considerarsi bocciata in partenza se ci saranno anche animali.


In questo articolo: